I benefici del burro proveniente da animali allevati al pascolo

Tra i benefici del burro c’è la capacità di rendere ogni piatto una delizia. Il burro infatti è uno di quegli alimenti che possono trasformare una pietanza decente in un capolavoro. Negli ultimi decenni è stato accusato di tutto: dall’essere causa di obesità fino a essere il responsabile delle malattie cardiache. Recentemente però, il burro è tornato alla ribalta come un cibo salutare.

Tengo comunque a precisare che c’è una gran differenza in termini di nutrizione e benefici per la nostra salute tra il burro che si compra comunemente nei supermercati (incluso quelli biologici) e quello fatto dal latte crudo di animali che ruminano al pascolo. Potete facilmente distinguere i diversi tipi di burro dal loro colore: supermercato (bianco), biologico (giallo molto chiaro) e derivato dal latte crudo da animali al pascolo (giallo scuro).

benefici del burro

Qui ci sono 6 benefici del burro che ti faranno capire perché è un ottimo alimento per la tua salute .

Motivo 1: Il burro è ricco in vitamine grasso solubili

Il burro contiene vitamine liposolubili quali le vitamine A, E e K2. Se segui una dieta sana che include cibi animali e vegetali probabilmente stai ottenendo abbastanza vitamina A e E. Vorrei parlare invece della vitamina K2, che è abbastanza rara nell’alimentazione moderna e molti non sanno neppure cosa sia. La vitamina K2 ha molti benefici per la salute. È coinvolta nel metabolismo del calcio e un basso apporto è stato associato a molte malattie gravi, tra cui le malattie cardiovascolari, il cancro e l’osteoporosi. I latticini crudi provenienti da mucche al pascolo sono particolarmente ricchi di vitamina K2. Già questo dovrebbe essere sufficiente per capire quali sono i numerosi benefici del burro! Ma siamo solo all’inizio…

Motivo 2: Il burro contiene molti grassi saturi

La “guerra” contro i grassi saturi è stata costruita su scienza pilotata e manovre politiche che hanno dato fondo all’industria alimentare dei cibi dietetici o ridotti in grasso. Se si vanno ad esaminare bene le ricerche scientifiche, non è mai stato veramente dimostrato che i grassi saturi causassero alcun danno. Tutto ciò che si trova sono correlazioni che non portano in realtà a nessuna conclusione.

Studi recenti suggeriscono che non vi è alcuna associazione tra il consumo di grassi saturi e le malattie cardiovascolari. I grassi saturi aumentano l’HDL (il colesterolo “buono”) e cambiano la struttura delle molecole di LDL (il colesterolo “cattivo”) da piccole e dense (pessimo) a grandi, che è un bene nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Inoltre, il burro contiene una discreta quantità di grassi a catena corta e media che sono metabolizzati in modo diverso da altri grassi. Infatti, conducono a una miglior sazietà e una maggiore combustione dei grassi.

Motivo 3: Il burro diminuisce gli attacchi di cuore se confrontato con la margarina

Le linee guida nutrizionali di tutto il mondo, tendono a fallire nelle loro raccomandazioni e hanno l’effetto opposto di quello che avevano lo scopo di fare. Un primo esempio di ciò è la raccomandazione di sostituire il burro con la margarina, che è qualcosa che tutti i miei pazienti si sono sentiti ripetere spesso nel tempo. Quello che è successo è che ci è stato detto dagli “esperti” e medici, di sostituire il burro, un alimento sano, con qualcosa che contiene grassi transgenici altamente trasformati in laboratorio, che sono decisamente tossici, altamente infiammatori e causano ogni sorta di malattia come dimostrato da molti studi.

Nello studio Framingham, il più lungo mai effettuato sulle malattie cardiovascolari, sono stati esaminati gli effetti di burro e margarina riguardo alle problematiche cardiache. Lo studio ha dimostrato che la margarina ha aumentato significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, mentre il burro non ha avuto alcun effetto. Un altro studio, ha rivelato che il consumo di un alta percentuale di grassi proveniente da latticini, riduce il rischio di malattie cardiache di un enorme 69%, molto probabilmente a causa di una maggiore assunzione di vitamina K2.

Motivo 4: Il burro è un’ottima fonte dell’acido grasso butirrato

Il butirrato è un acido grasso composto da 4 molecole di carbonio e viene creato dai batteri presenti nel colon quando sono esposti a fibra alimentare. Questo può essere il motivo principale per cui la fibra ha benefici per la salute degli gli esseri umani. Ma c’è un’altra buona fonte alimentare di butirrato: il burro, che è composto da circa il 3-4% di butirrato. Infatti, il butirrato prende il suo nome proprio dal burro. Nei ratti, l’integrazione di butirrato previene l’aumento di peso anche seguendo una dieta non sana, aumentando il dispendio energetico e riducendo l’assunzione di cibo. Migliora anche la funzione dei mitocondri e abbassa i trigliceridi a digiuno e l’insulina. Negli esseri umani, il butirrato è un antinfiammatorio che ha potenti effetti protettivi sul sistema digestivo.

Motivo 5: Il burro è ricco di acido linoleico coniugato (CLA)

Tra i benefici del burro, soprattutto quello proveniente da animali nutriti con erba, c’è il suo essere una grande fontehttps://en.wikipedia.org/wiki/Framingham_Heart_Study di un acido grasso chiamato acido linoleico coniugato. Questo acido grasso ha potenti effetti sul metabolismo e in realtà è venduto commercialmente come un supplemento per la perdita di peso. Il CLA ha dimostrato di avere proprietà anticancro, nonché l’abbassamento della percentuale di grasso corporeo nell’uomo. Tuttavia, alcuni studi sul CLA mostrano che i benefici del burro per il dimagrimento si hanno principalmente nelle persone obese.

Motivo 6: Il burro è associato a un minor rischio di obesità

Alcuni esperti dietologi raccomandano spesso di scegliere latticini a basso contenuto di grassi. In questo modo, siamo in grado di ottenere il calcio di cui abbiamo bisogno senza tutti quei grassi “cattivi” e le loro calorie. Ma nonostante il contenuto calorico più elevato, mangiare latticini ad alta percentuale di grassi non è associato con l’obesità. In realtà, un nuovo studio scientifico uscito nel 2012, ha esaminato gli effetti sul consumo dei latticini ad alto contenuto di grassi sull’obesità, le malattie cardiovascolari e altri disturbi metabolici. I ricercatori hanno scoperto che l’alto contenuto di grassi nei latticini non aumenta il rischio di malattie metaboliche ed è stato associato con un rischio significativamente ridotto di obesità.

Conclusioni sui benefici del burro proveniente da animali allevati al pascolo

Il burro è un alimento che non solo da sapore ai cibi, ma è anche altamente salutare e ha da sempre fatto parte dell’alimentazione mediterranea tradizionale prima dell’arrivo della fobia contro i grassi. Visti i benefici del burro, questo può e deve far parte di un’alimentazione sana, specialmente se soffri di problemi digestivi, ma dovrebbe preferibilmente provenire da animali allevati al pascolo.

Riferimenti:

  • Enig, Mary G, PhD, Nutrition Quarterly, 1993 Vol 17, No 4 
  • Belury, MA Nutrition Reviews, April 1995 53:(4) 83-89 
  • American Journal of Physical Medicine, 1941, 133; Physiological Zoology, 1935 8:457
  • Kabara, J J, The Pharmacological Effects of Lipids, J J Kabara, ed, The American Oil Chemists Society, Champaign, IL 1978 pp 1-14 
  • Levels of linoleic acid in adipose tissues reflect the amount of linoleic acid in the diet. Valero, et al Annals of Nutritional Metabolism, Nov/Dec 1990 34:6:323-327; Felton, CV et al, Lancet 1994 344:1195-96 
  • DeCava, Judith Journal of the National Academy of Research Biochemists, September 1988 1053-1059
  • Alfin-Slater, R B and L Aftergood, “Lipids”, Modern Nutrition in Health and Disease, Chapter 5, 6th ed, R S Goodhart and M E Shils, eds, Lea and Febiger, Philadelphia 1980, p 131
10 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] possono comunque tollerare il latte crudo negli stadi iniziali della dieta, ma possono tollerare Burro Crudo, il Kefir Crudo, lo Yogurt Crudo e la Panna Acida Cruda fermentati per 24 ore. Nei casi più gravi […]

  2. […] una notevole quantità di grassi mono e polinsaturi. I grassi che sono per lo più saturi (come il burro), tendono ad essere solidi a temperatura ambiente, mentre i grassi che sono principalmente insaturi […]

  3. […] Il burro fatto in casa con il latte crudo ha molte proprietà e benefici per la salute dell’intestino e quindi per quella generale del nostro organismo. Ne ho parlato spesso e ho scritto anche alcuni articoli, di cui dedicato proprio ai suoi benefici. Lo puoi trovare qui. […]

  4. […] Le verdure ad alto contenuto di salicilati sono i pomodori cotti, il peperoncino, le castagne, i germogli di erba medica, i broccoli, i cetrioli, le melanzane, gli spinaci, le patate dolci e le zucchine. Livelli moderati si trovano in asparagi, barbabietole, carote, patate e funghi. Purtroppo livelli elevati di salicilati si trovano anche nell’olio di cocco, un fatto che potrebbe spiegare perché alcune persone sembrano essere allergiche a questo alimento altrimenti estremamente salutare. Anche l’olio di oliva, di sesamo e simili sono ricchi di salicilati, ma la buona notizia è che vi sono valori trascurabili nel burro proveniente da animali allevati al pascolo. […]

  5. […] giornali scientifici dicono che i grassi fanno bene, decantano i benefici del lardo, nominano il burro come alleato del sistema cardiovascolare e prestigiosi giornali come Il “Time” e il […]

  6. […] burro proveniente da animali allevati al pascolo è più ricco in vitamina K2 e omega-3 del burro […]

  7. […] i grassi come olio, burro o frutta secca, usiamo porzioni corrispondenti ad un pollice (due pollici per gli […]

  8. […] a consumare prodotti lattiero-caseari fermentati  o  ad alto contenuto di grassi come il burro. Alcune persone possono anche essere intolleranti ad altri componenti nel latte, come le proteine. […]

  9. […] Il burro fatto in casa con il latte crudo ha molte proprietà e benefici per la salute dell’intestino e quindi per quella generale del nostro organismo. Ne ho parlato spesso e ho scritto anche alcuni articoli, di cui dedicato proprio ai suoi benefici. Lo puoi trovare qui. […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *