Zucca Gialla: Un’Alternativa Ricetta per un Chili di Carne Piccante

La zucca gialla ha un sapore molto particolare e può essere usata per un’infinità di ricette gustose. Io però non voglio proporti il solito risotto o la vellutata di zucca. Il chili di carne e zucca piccante è salutare, appetitoso e una volta preparato può essere usato per una famiglia numerosa o per svariati giorni.

Attenzione: durante il regime alimentare non è detto che si riesca a tollerare subito il peperoncino di cayenna. Se invece lo tolleri senza problemi, allora te lo consiglio perché avrai diversi benefici tra cui:

  • aiuta ad uccidere i funghi;
  • è anticancerogeno;
  • aiuta a ridurre l’infiammazione.

 

Ingredienti:

  • 1 Kg di carne di manzo macinata;
  • 1 Kg di carne di maiale macinata;
  • 2 barattoli di pomodori tagliati a dadi;
  • 1 bicchiere di passato di pomodoro;
  • 1 zucca o 2 tazze di zucca cotta;
  • 500 mL di brodo di ossa di pollo fatto in casa (la ricetta qui);
  • 1,5 cipolla di media grandezza tritata;
  • 2 cucchiaini da tè di cannella;
  • 2 cucchiai di Paprika;
  • 2 cucchiai di sale marino non raffinato;
  • 1/2 cucchiaino di semi di sesamo;
  • 1/2 cucchiaino di spezie giamaicane;
  • 1 cucchiaio di pepe nero;
  • 1 cucchiaino di peperoncino di Cayenna;
  • 10 spicchi d’aglio (tagliato a dadini );
  • 100 gr. di miele crudo di acacia;

Come fare il Chili di Zucca Gialla

  1. Metti la carne in una grossa pentola, sul fuoco al minimo.
  2. Aggiungi l’aglio e la cipolla tagliati a dadini. Amalgama bene tutto.
  3. Aggiungi il brodo di ossa di pollo.
  4. A questo appunto aggiungi anche i pomodori, il passato di pomodoro e la zucca.
  5. Aggiungi le spezie e assicurati che la fiamma sia bassa. Copri e cuoci tutto per circa 30 minuti.
  6. Passato questo tempo, o quando le cipolle hanno la consistenza che più ti piace, aggiungi il miele crudo e mescola. Lascia cuocere per altri 5 minuti.

Il chili di zucca gialla è pronto! Importante: se tolleri il parmigiano reggiano, aggiungilo per insaporire ulteriormente.

Conclusione
Si può fare questa ricetta con svariate varianti. Ne conosci qualcuna anche tu? Raccontami la tua versione, non vedo l’ora di provarne di nuove!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *