Kefir Di Cocco: l’Alternativa Vegetale al Kefir di Latte

Il kefir di cocco è l’alternativa ideale nel caso in cui, nel tuo percorso di guarigione dell’intestino, tu non riesca ancora a tollerare alcune proteine contenute nei latticini crudi fermentati. A dire il vero il kefir di cocco non èkefir di cocco altrettanto efficace, ma ti permette comunque di usufruire dei benefici dei grani di Kefir.

Durante il regime alimentare, tanti miei pazienti che non tollerano ancora il kefir fatto con il latte crudo, mi chiedono alternative di origine vegetale. Negli anni, ho fatto moltissimi tentativi e studi sul kefir e ho creato colture anche con il latte di cocco, quello di mandorle e con quello di noci. Tra questi kefir non-caseari, ho notato che quello di cocco porta i migliori risultati in termini di salute intestinale.

Il latte di cocco ha tante meravigliose proprietà: è antimicotico, antibatterico e antivirale. Per questo ti consiglio il kefir di cocco come alternativa a quello di latte crudo, mentre stai lavorando per sanare il tuo intestino (finché non riuscirai a tollerare la proteina del latte crudo caseina).

Utensili:

  • frullatore;
  • 1 contenitore di vetro pulito con coperchio;
  • 1 contenitore di vetro piccolino con coperchio.

Ingredienti:

  • 3 cucchiaini di grani di Kefir;
  • 180 mL di latte di cocco NON pastorizzato;
  • 20 mL di crema di cocco NON pastorizzata (opzionale, per rendere il Kefir più cremoso);
  • 1 cucchiaino di pasta di datteri, zucchero di canna non raffinato o zucchero di cocco;

Procedimento per realizzare il kefir di cocco:

  1. Metti il latte di cocco, la crema di cocco e ciò che usi come zucchero in un frullatore. Frulla ad alta velocità fino a che gli ingredienti sono ben mescolati e la crema di cocco risulta uniformemente distribuita.
  2. Aggiungi i grani di Kefir o le bustine che si trovano in commercio.
  3. Trasferisci il tutto in un contenitore di vetro.
  4. Copri il contenitore con un coperchio e lascia fermentare per circa 24 ore finché il Kefir acquista un sapore acidulo.
  5. Togli i grani travasando il Kefir di cocco in un altro contenitore utilizzando un colino di plastica.
  6. Metti i grani di Kefir in un piccolo contenitore di vetro. Aggiungi poi il latte di cocco ricoprendo i grani e un altro cucchiaino dello zucchero che hai utilizzato. Copri il contenitore e mettilo in frigorifero per mantenere i grani vivi.
  7. Metti il Kefir di cocco in frigorifero, ma puoi anche berlo immediatamente. Lo puoi conservare in frigo per anche un mese, anche se continuerà a fermentare diventando più acido.

Conclusione

Il Kefir di cocco viene meglio con le bustine che con i grani. Può essere fatto con i grani di kefir, ma il cocco tende ad attaccarsi e può essere difficile da rimuovere. Se utilizzi le bustine, il risultato sarà più cremoso, perché non c’è bisogno di travasare niente.

Ricorda che i migliori benefici si ottengono con la fermentazione del latte crudo. Se però non lo tolleri o vuoi cambiare sapore (bevendoli entrambi) il kefir di cocco è la migliore alternativa.

7 commenti
  1. Helga Alghisi
    Helga Alghisi dice:

    Gentile Dottore,
    Quali sono le situazioni dove il kefir d’acqua
    Non è indicato? E perché considerato da lei di minor importanza?
    Grazie

    Rispondi
    • Shantih Coro
      Shantih Coro dice:

      Do minore importanza al Kefir di acqua perchè è quello che da meno benefici tra tutti gli alimenti fermentati ma non per questo chi vuole berlo non può farlo. Acqua di Kefir e tè di Kombucha sono contraindicati per chi soffre di sovracrescita batterica del tenue in quanto peggiorano i sintomi e infiammazione mentre altri alimenti e bevande fermentati possono essere lentamente reintrodotti ma non da subito.

      Rispondi
  2. Simo
    Simo dice:

    Gent.mo Dottore, leggo che consiglia l’uso delle bustine per la preparazione del kefir. In commercio ne trovo di “Kefir di Latte” e “Kefir di Acqua”. Saprebbe dirmi, con il latte di cocco, quale delle due varianti possa acquistare? Se ha evidenze di bustine più efficaci di altre, La prego di condividerle. Grazie mille per il prezioso aiuto!

    Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] mL di kefir di latte crudo o di cocco (dipende da cosa […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *