malattie gastrointestinali

Malattie gastrointestinali: quanto tempo ci vuole per stare bene?

Le malattie gastrointestinali mi fanno ricevere spesso email dai miei pazienti come quella che segue:

“Dottore (una paziente con morbo di Crohn diagnosticato nel 2009) da due settimane ho iniziato la dieta e sono già passata da 10 movimenti intestinali al giorno a 5. Non so come ringraziarti! (Sì, tutti i miei pazienti mi danno del tu, non amo le formalità). Ho però una domanda da farti: quando guarirò? Ho molta voglia di iniziare a viaggiare di essere in grado di tollerare più cibi. Grazie in anticipo – Giovanna”.

Amo queste domande. Potrei dare una qualsiasi risposta motivazionale da cliché con frasi come:

  • “Ci è voluto molto tempo per ammalarsi e ci vuole molto tempo per guarire”.
  • “Questo processo di guarigione è una maratona, non uno sprint – stai andando alla grande!”.
  • “Ognuno ha una dieta personalizzata… devi solo continuare a sperimentare fino a quando trovi la tua”.

Ognuno di questi luoghi comuni rassicuranti è completamente vero, ma quando sento la bella frase “ho già iniziato la dieta” quello che amo rispondere è: Hai già compiuto la parte più difficile per prendere il controllo della sua salute superando pensieri come “E se non funziona per me ?” Oppure “non ho tempo per cucinare tutto questo cibo” o anche “È troppo difficile, non ce la farò mai”.

Iniziare la dieta non è solo il primo passo, ma è il più importante. Giovanna starà bene.

malattie gastrointestinali

Come lo so?

Ha diminuito i movimenti intestinali del 50% in solo 2 settimane.

Per chi ha malattie gastrointestinali, il 50% di miglioramento è un passo gigantesco

Certo, Giovanna non è ancora guarita, ma permettimi di porre il miglioramento del 50% nella giusta prospettiva.

Immaginati di aver finito un nuovo progetto di lavoro e il risultato è fantastico… un successo. La settimana seguente il tuo capo ti chiama nel suo ufficio e ti dice: ” Hai fatto un ottimo lavoro con l’ultimo progetto e ho intenzione di raddoppiare il tuo stipendio e ti darò un aumento del 200%”.

Come cambierebbe la tua vita un aumento del 200%?

Raddoppiare il tuo reddito sarebbe incredibile, giusto? Forse renderebbe le cose un po’ più facili…

Bene, così è una naturale riduzione dei sintomi del 50%. Una riduzione del 50 % dei sintomi in 2 settimane è altrettanto potente come un aumento del 200% del vostro stipendio da un progetto.

Il 50% di miglioramento di Giovanna in 2 settimane mi dice che è sulla strada giusta e con un paio di modifiche, sarà lei ad avere il controllo totale della sua salute, non le medicine (se funzionano). Mi aspetto un’altra email da lei in qualsiasi momento con un aggiornamento sui suoi miglioramenti.

Quanto ci vuole per arivare a stare bene quando si hanno malattie gastrointestinali con la dieta?

Un altra risposta cliché: “dipende…”.

Hai mai sentito dire che non esistono due fiocchi di neve esattamente uguali? È affascinante. Mio figlio quando aveva 3 anni aveva un libro su questo e lo leggevamo assieme. I fiocchi di neve hanno delle similitudini, per esempio, la maggior parte ha sei lati e ci sono tre categorie di forme comuni. Ma alla fine, sono tutti unici, proprio come la tua dieta se hai una delle malattie gastrointestinali.

Non ci sono due versioni esattamente uguali della dieta di cui hai bisogno, proprio come i fiocchi di neve. E l’analogia continua: vi sono elementi comuni… ma ognuno sarà leggermente diverso dall’altro.

Le scelte di stile di vita che hai fatto nel passato, la genetica e le tue scelte di vita attuali sono tutte uniche, e ciascuna ha un impatto su come e quando guarirai.

E non si finisce neanche con il cibo. In genere, la dieta arriva fino a un certo punto – certi integratori specifici e i cambiamenti di stile di vita sono ciò che ti aiuterà a risolvere il puzzle completo. Quindi, vi sono un sacco di fattori che giocano un ruolo primario in questo processo.

Ti mostro 3 casi di malattie gastrointestinali di miei pazienti

Caso di Studio 1: Morbo di Crohn e diarrea

Luca ha preso il Prednisone da quando gli è stato diagnosticato con il morbo di Crohn 2 anni fa. Aveva una media di almeno 10 movimenti al giorno. Era esausto e perdeva sempre più sangue ogni volta che andava al bagno.

Pochi anni prima, aveva provato a seguire la SCD per un paio di settimane e non ha visto alcun miglioramento, così si arrese. Il suo medico insisteva per Humira ed è questo che lo ha spinto a telefonarmi. Questo succede a chi prova a seguire una dieta senza guida.

Dopo la prima consulenza, ha iniziato il suo regime alimentare effettuando correttamente la dieta di introduzione per 5 giorni e poi ha provato ad aggiungere nuovi alimenti. Ogni cosa che provava sembrava aggravare la sua diarrea e sembrava che questa dieta lo facesse stare peggio! Dopo due settimane di orribile diarrea, sapeva che sarebbe arrivata una ricaduta. Il primo ritocco che ha fatto è stato quello di iniziare a prendere gli enzimi digestivi giusti e nel giro di due giorni i suoi le sue feci hanno iniziato a prendere forma e l’urgenza di andare al bagno era diminuita.

Luca, era frustrato perché le sue feci erano ancora molli e andava al bagno 4-5 volte al giorno. Ha deciso di provare ad assumere il brodo di ossa ad ogni pasto nelle quantità consigliate. Quattro giorni dopo, i movimenti intestinali si sono ridotti a 2-3 feci molli al giorno. Questo è stato un miglioramento enorme per lui. Non solo, ma durante il suo 2° mese di dieta la sua energia è raddoppiata e ha finalmente dormito tutta la notte senza svegliarsi per andare in bagno. I seguenti sei mesi sono stati un graduale miglioramento.

Caso Studio 2: costipazione e gonfiore addominale

Claudia, è stata male molte volte durante la sua vita. Ha preso tanti antibiotici e sempre sembrava avere abitudini intestinali irregolari. La maggior parte dei giorni utilizzava lassativi/clisteri per tirare avanti, soprattutto quando il gonfiore era insopportabile.

Ha provato diverse altre diete da nutrizionisti e medici, ma anche molti integratori senza alcun miglioramento. Alla fine decise di iniziare a diventare mia paziente e seguire la dieta per 30 giorni.

Ha fatto la dieta di introduzione per 4 giorni e non ha avuto nessun movimento intestinale. Come lei ha introdotto nuovi alimenti al 5° giorno, si sentiva davvero scoraggiata e pensava che la dieta non avrebbe funzionato. Ho quindi aggiunto al suo regime più olio di cocco e ha iniziato a preparare e mangiare i crauti fermentati. I suoi movimenti hanno iniziato a diventare più regolari ogni giorno.

Claudia stava meglio, ma era ancora frustrata. Il suo riflusso gastroesofageo, eruttazione frequente e gorgoglio di stomaco facevano pensare più a provare la betaina HCL con pepsina per aumentare l’acido nello stomaco. L’integratore la faceva sentire molto meglio e sapeva che era la modifica giusta per lei. Nel corso dei successivi 7 giorni, la betaina HCL ha migliorato i suoi movimenti intestinali a un movimento solido ogni giorno per la prima volta nella sua vita da adulta… e non si è mai guardata indietro, ma ha seguito la dieta per un anno.

Caso Studio 3: celiachia e malnutrizione

Monica ha lottato con la malattia celiaca non diagnosticata per molti anni. Lei alternava un’orribile diarrea alla costipazione ed era molto frustrante, visto che aveva visitato molti gastroenterologi in grossi centri ospedalieri e privati senza miglioramenti significativi. Nessuno riusciva a capire il motivo per cui lei era denutrita e aveva enzimi epatici sempre elevati.

Inizialmente provò a seguire le raccomandazioni del gastroenterologo di assumere più fibre che non ha aiutato il suo dolore di stomaco e anche la sua diarrea stava peggiorando. Ha seguito una dieta rigorosa senza glutine per 3 anni senza un miglioramento dei suoi sintomi.

Sette giorni dopo aver iniziato la dieta di introduzione data da me, la diarrea si è fermata completamente. In seguito aveva avuto un episodio di diarrea molto forte e non mi sembrava fosse stato innescato da un alimento. Le sue analisi del sangue mostrarono ancora molte carenze nutrizionali. Decisi quindi di aggiungere gli enzimi digestivi ed entro 2 giorni le feci erano tornate ben formate ed i suoi livelli di energia migliorati. Aveva però ancora la diarrea una o due volte a settimana. Sembrava come se fosse bloccata e avesse paura di introdurre nuovi alimenti.

Parlando con Monica, ho scoperto che era una mamma oberata di lavoro con una storia di depressione. Inoltre si era appena stata trasferita in una nuova città e per lo stress stava spingendo l’acceleratore al limite. Ha deciso di provare a seguire i miei consigli per ridurre lo stress per sette giorni e prendere sul serio la sua gestione, proprio come prendere una pillola o fare un cambio alla dieta. Dopo due settimane di un paio di minuti al giorno di respirazione profonda e yoga, ha cominciato a notare che si sentiva più viva. Dopo 30 giorni da aver preso sul serio il suo stress, ha finalmente realizzato che la diarrea casuale era scomparsa e ha iniziato a provare nuovi cibi. Alla fine sembrava che la sua vita stesse girando nella giusta direzione, anche se ha avuto i suoi alti e bassi nel corso dei successivi nove mesi.

Ognuna di queste persone con malattie gastrointestinali ha dovuto fare diverse modifiche. Alcuni non potevano tollerare alimenti che altri potevano. E alla fine ogni soluzione era unica per ogni persona, ma la formula era la stessa:

hanno cominciato correttamente la dieta, hanno scoperto il loro “cibo sicuro”, hanno apportato le modifiche di cui ognuno di loro aveva bisogno, gli integratori giusti e hanno fatto i cambiamenti di stile di vita che li aiutasse a guarire. Ma ognuno ha avuto diversi risultati in diversi periodi di tempo.

Questo è ciò che ho da dirti se soffri di una delle malattie gastrointestinali:

  • non posso darti una dieta precisa che ti curerà
  • non posso dirti quando guarirai
  • non posso dirti esattamente cosa mangiare
  • non posso dirti esattamente quanto tempo ci vuole prima che tu possa introdurre cibi nuovi
  • non posso dirti esattamente quando controllerai i tuoi sintomi

Ma ho delle buone notizie per te:

  • posso aiutarti a trovare i test di cui TU hai bisogno
  • posso aiutarti a scegliere gli integratori giusti di cui TU hai bisogno
  • posso aiutarti a scegliere quali cibi devi provare a testare che generalmente sono problematici
  • posso aiutarti a trovare la tua “lista di cibi sicuri”
  • posso aiutarti a fare i cambiamenti di stile di vita necessari per guarire
  • posso aiutarti nei momenti difficili

Conclusione sui tempi di guarigione dalle malattie gastrointestinali

Iniziare la dieta per le malattie gastrointestinali non è la scelta più semplice, ma l’obiettivo di recuperare la tua vita lo è. Quindi, ne vale la pena alla fine. Aspettati che questo cammino non sarà lo stesso di chiunque altro. Devimalattie gastrointestinali comprendere che questo non significa che non funziona per te o che non ti è possibile seguire le linee guida.

Utilizza questi casi di studio come promemoria per chiedere informazioni e sempre ascolta i tuoi sintomi, non ignorarli. Il tuo corpo ti sta dando indizi per dirti cosa fare dopo e quanto stai guarendo.

Questo è quello che ti puoi aspettare:

  • aspettati di personalizzare
  • aspettati di modificare
  • aspettati di avere alti e bassi
  • aspettati di sentirti meglio… alla fine

Ho visto la dieta funzionare per me e per tutti i miei pazienti che si sono davvero impegnati… e funzionerà per te se lo vorrai. Concentrati sul trovare la tua versione personalizzata della dieta e guarirai nel corso del tempo. Credo in te e so che ce la puoi fare.

Più di ogni altra cosa, sono entusiasta per accompagnarti verso la tua nuova vita.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *