Quando il tuo stomaco brontola, non ti sta dicendo che hai fame

Perché lo stomaco brontola? Tutti ce lo siamo chiesti. Anche se la risposta sembra scontata, beh sappi che non è così. Quando si mangia, ci sono i muscoli lungo il tratto digestivo che aiutano il cibo ad essere mosso dalla bocca nell’esofago, attraverso il tratto digerente e ad eliminare il residuo attraverso le feci. Queste sono onde peristaltiche ritmiche che aiutano lo spostamento del cibo.

stomaco brontola

Quando lo stomaco brontola e ringhia tra i pasti, è probabile pensare che lo si intenda come un segnale di aver fame. Invece quello che stai sentendo invece non è il morso della fame. Il ringhio e il rombo che si sentono tra i pasti vengono attivati dal complesso motore di migrazione (MMC). Questo complesso invia onde peristaltiche attraverso tuo stomaco e intestino tenue, in un ciclo regolare durante lo stato di digiuno. Questo accade durante la fase interdigestiva (tra i pasti). Non succede in risposta a qualcosa che hai appena mangiato. Il complesso motore di migrazione è attivo quando non si mangia.

È un’azione di pulizia che agisce per aiutare a spazzare via materiale non digerito e gli organismi residui più in basso nel tratto digestivo. Ci sono quattro fasi di attività. Durante la terza fase, che dura 5-15 minuti, avvengono le contrazioni più rapide a intervalli regolari (e lo stomaco brontola). Si tratta di un ruolo importante che deve essere inibito. Queste contrazioni di fase III si verificano dopo 90-120 minuti da quando ci si trova in uno stato di digiuno (dopo un pasto). Quando mangiamo qualcosa il Complesso Motore di Migrazione è inibito.

Se non si consente un sufficiente spazio tra i pasti e spuntini, o se si mangia troppo vicino al momento di coricarsi, il proprio Complesso Motore di Migrazione non verrà attivato e non si potrà beneficiare di questo movimento di pulizia. Il contenuto gastrico rimarrà nel tratto digestivo per un periodo di tempo più lungo. Questo è legato alla SIBO, la proliferazione batterica nel tenue. L’inibizione del Complesso Motore di Migrazione permette al contenuto gastrico e organismi di restare più a lungo nel tratto digestivo e questo crea un ambiente privilegiato per un gran numero di batteri per “prendere la residenza” nell’intestino tenue. Questo può anche portare a dispepsia, che è davvero un insieme di sintomi digestivi, come gonfiore, distensione addominale, dolore, senso di sazietà precoce e/o nausea. Una connessione si è vista anche nelle persone con una crescita eccessiva di H. Pylori, che è una crescita eccessiva di batteri che possono verificarsi nello stomaco, anche se non siamo sicuri se H. Pylori provoca l’inibizione del complesso motore di migrazione, o se l’inibizione del complesso motore rende le persone più suscettibili a una crescita eccessiva di H. Pylori.

Il complesso motore di migrazione non è attivo durante la notte, cosicché mangiare prima di andare a dormire o comunque dopo cena, non è l’approccio migliore per la salute digestiva. Questo è il motivo per cui generalmente consiglio un mini – digiuno veloce di notte. Astieniti dal mangiare dopo le 8:00 di sera. Questo offre un mini digiuno di 12 ore di tempo, sufficiente per il rapido movimento di pulizia del Complesso Motore di Migrazione Fase III prima di andare a dormire.

L’altra cosa che interferisce e inibisce il complesso motore di migrazione è lo stress. Lo stomaco brontola spesso quando siamo nervosi e noi pensiamo che sia fame. Per questo ripeto più volte che per risolvere i problemi digestivi di qualunque gravità non bisogna pensare solo all’alimentazione, ma è bene utilizzare il Serplus. Bisogna iniziarlo a dosaggi molto bassi e aumentarlo progressivamente. È necessario inoltre fare cambiamenti nello stile di vita, sopratutto tecniche per gestire lo stress come lo Yoga, il Tai Chi, camminare sulla spiaggia a piedi nudi o la meditazione. Mi avete già sentito parlare dei numerosi modi in cui lo stress distoglie le risorse dalla digestione, ad ogni livello. In risposta allo stress, si produce MENO saliva, enzimi digestivi, acido di stomaco e si riduce la peristalsi mentre si sta mangiando. Ora possiamo aggiungere a questo, che lo stress inibisce il movimento di pulizia del complesso motore di migrazione tra i pasti. Una vera ricetta per il disastro nel tratto digestivo. Questa è una ragione in più per cui se si vogliono risolvere problemi digestivi bisogna gestire i livelli di stress al momento di affrontare qualsiasi sintomo o malattia del tratto digestivo.

Lo stomaco brontola? Conclusioni

Ora sai che la prossima volta che il tuo stomaco brontola, è il movimento di pulizia del tuo Complesso Motorio di Migrazione del tuo apparato digerente. Per la salute gastrointestinale è importante gestire lo stress e evitare di mangiare prima di andare a dormire.

Riferimenti:

  • Deloose E. The migrating motor complex: control mechanisms and its role in health and disease. Nat Rev Gastroenterol Hepatol. 2012 Mar 27;9(5):271-85
  • Takahashi T. Mechanism of Interdigestive Migrating Motor Complex. J Neurogastroenterol Motil. 2012 Jul; 18(3): 246–257
  • Gill R C. Gastro-oesophageal reflux and the migrating motor complex. Br Medical Journal. 1987 Aug; 28(8): 929–934
  • Gorard DA. Migrating motor complex and sleep in health and irritable bowel syndrome. Dig Dis Sci. 1995 Nov;40(11):2383-9
  • Wang SH. A research of migrating motor complex in patients with irritable bowel syndrome. Zhonghua Nei Ke Za Zhi. 2009 Feb;48(2):106-10
  • Luiking YC. Migrating motor complex cycle duration is determined by gastric or duodenal origin of phase III. Am J Physiol. 1998 Dec;275(6 Pt 1):G1246-51
  • Medhus A. The migrating motor complex modulates intestinal motility response and rate of gastric emptying of caloric meals. urogastroenterol Motil. 1995 Mar;7(1):1-8
  • Holtmann G. Differential effects of acute mental stress on interdigestive secretion of gastric acid, pancreatic enzymes, and gastroduodenal motility. ig Dis Sci. 1989 Nov;34(11):1701-7
  • Wang SX. Effects of psychological stress on small intestinal motility and bacteria and mucosa in mice. World J Gastroenterol. 2005 Apr 7; 11(13): 2016–2021

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *