Acidi grassi a corta catena: i benefici per l’intestino e non solo

Gli acidi grassi a corta catena sono prodotti dai batteri buoni nel tuo intestino. A dire il vero, sono la principale Acidi Grassi a Corta Catenafonte di nutrimento per le cellule nel tuo intestino. Gli acidi grassi a corta catena possono anche avere un ruolo importante per la salute e per le malattie.

Possono ridurre il rischio di disturbi infiammatori, di diabete di tipo 2, di obesità, di malattie cardiache e altre condizioni.
Questo articolo esamina come gli acidi grassi a corta catena influiscono sulla salute.

Cosa Sono Gli Acidi Grassi a Corta Catena?

Gli acidi grassi a corta catena sono acidi grassi con meno di 6 atomi di carbonio (C).
Vengono prodotti quando i batteri buoni dell’intestino fermentano determinate sostanze nutritive nel tuo intestino e sono la principale fonte di energia per le cellule che lo rivestono. Per questa ragione svolgono un ruolo importante nella salute intestinale.
L’eccesso di acidi grassi a corta catena viene usato per altre funzionalità del corpo. Per esempio può fornire circa il 10% del fabbisogno calorico giornaliero. Gli acidi grassi a corta catena sono disinfiammanti intestinali coinvolti anche nella metabolizzazione di importanti nutrienti come i carboidrati e i grassi. Circa il 95% degli acidi grassi a corta catena nel tuo corpo sono:

  • Acido Acetico (C2).
  • Acido Propionico (C3).
  • Acido Butirrico (C4).
  • Acido Valerico (C5)

Il propionato è coinvolto principalmente nella produzione di glucosio nel fegato, mentre l’acetato e il butirrato sono incorporati negli altri acidi grassi e nel colesterolo.

Molti fattori influiscono sull’ammontare degli acidi grassi a corta catena nel tuo intestino, tra cui il numero dei microorganismi presenti (microbiota intestinale), la fonte di cibo e il tempo che impiega quest’ultimo per viaggiare lungo il tuo sistema digerente.

Acidi Grassi a Corta Catena e i Disturbi Digestivi di Varia Origine

Gli acidi grassi a corta catena possono essere benefici per alcuni disturbi digestivi. Per esempio il butirrato ha un effetto antiinfiammatorio sull’intestino.
Acidi Grassi a Corta CatenaI tuoi batteri intestinali convertono l’amido resistente e la pectina in acidi grassi a corta catena ed è dimostrato che mangiarli riduce la diarrea nei bambini.
La Celiachia, la Colite Ulcerosa e il morbo di Crohn sono i principali tipi di malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI – in inglese IBD come Inflammatory Bowel Disease). Sono caratterizzati dall’infiammazione cronica dell’intestino. Grazie alle sue proprietà antiinfiammatorie, il butirrato è stato usato per trattare tutte queste condizioni.
Gli studi sui ratti hanno dimostrato che gli integratori di butirrato riducono l’infiammazione dell’intestino e gli integratori di acetato hanno simili benefici. Inoltre i bassi livelli di acidi grassi a corta catena sono relazionati con il peggioramento di coliti ulcerose e celiachia.
Studi sugli uomini hanno anche dimostrato che gli acidi grassi a corta catena, tra cui in special modo il butirrato, possono migliorare i sintomi della colite ulcerosa, della celiachia e del morbo di Crohn. Uno studio che ha coinvolto 22 pazienti con colite ulcerosa ha evidenziato che consumando 60 grammi di crusca d’avena ogni giorno per 3 mesi, i sintomi migliorano. Un altro piccolo studio ha scoperto che gli integratori di butirrato portano a miglioramenti clinici e remissione nel 53% dei pazienti con il morbo di Crohn.

Per i pazienti con colite ulcerosa e celiachia, un clistere di acidi grassi a corta catena due volte al giorno per 6 settimane aiuta a ridurre i sintomi del 13%.

Acidi Grassi a Corta Catena e Cancro al Colon

Gli acidi grassi a corta catena hanno un ruolo chiave nella prevenzione e nel trattamento di alcuni tipi di cancro, principalmente in quello al colon. Studi di laboratorio dimostrano che il butirrato aiuta le cellule del colon a rimanere sane, impedendo la crescita delle cellule tumorali e incoraggiando la distruzione delle cellule cancerogene nel colon. Numerosi studi di osservazione trovano una connessione tra dieta e ridotto rischio di cancro al colon. Molti esperti presuppongono che la produzione di acidi grassi a corta catena possa essere in parte responsabili di questo.
Anche alcuni studi sugli animali hanno riportato un nesso positivo tra la dieta e il ridotto rischio di cancro al colon.
In uno studio i ratti con una dieta ricca in fibre, in cui gli intestini contenevano batteri che producevano butirrato, hanno avuto il 75% in meno di tumori rispetto ai topi che non avevano i batteri.È interessante sapere che la sola dieta ricca di fibre – senza i batteri che creano il butirrato – non ha effetti protettivi contro il cancro al colon. Una dieta bassa in fibre – anche con i batteri che producono butirrato – è risultata ugualmente inefficace.
Questo significa che i benefici anticancro esistono solo quando una dieta ricca in fibre viene combinata con i corretti batteri nell’intestino. Comunque gli studi sugli esseri umani hanno dato risultati contrastanti. Alcuni indicano una connessione tra le diete ricche di fibre e la riduzione del rischio di cancro, mentre altri non hanno trovato questo collegamento.
Tuttavia questi studi ancora non hanno esaminato i batteri intestinali e le differenze individuali in cui questi potrebbero avere un ruolo.

Acidi Grassi a Corta Catena e Diabete

Una prova d’analisi ha riportato che il butirrato può avere effetti positivi sia sugli animali che negli esseri umani con il diabete di tipo 2.
La stessa prova ha inoltre evidenziato che sembrerebbe esserci uno squilibrio nei microrganismi intestinali nelle persone con diabete.
È stato dimostrato che gli acidi grassi a catena corta aumentano l’attività enzimatica nel fegato e nei tessuti muscolari, con il conseguente miglior controllo della glicemia.
Negli studi su animali, gli integratori di acetato e propionato hanno migliorato i livelli di zucchero nel sangue nei topi diabetici e nei ratti normali.
Ci sono ancora pochi studi che coinvolgono le persone e i risultati sono misti.
Uno studio ha scoperto che gli integratori di propionato riducono i livelli di zucchero nel sangue, ma un altro studio ha scoperto che gli acidi grassi a corta catena non influiscono significativamente sul controllo degli zuccheri nel sangue nella persone sane.
Un certo numero di studi sugli esseri umani ha anche riportato un’associazione tra le fibre fermentate e i miglior controllo degli zuccheri nel sangue e la sensibilità all’insulina.
Tuttavia questo effetto è generalmente rilevato negli individui che sono sovrappeso o sono insulina-dipendenti e non nelle persone sane.

Perdere Peso con  gli Acidi Grassi a Corta Catena, è Possibile?

La composizione dei microorganismi nell’intestino può influenzare l’assorbimento dei nutrienti e la regolazione energetica, influendo così sullo sviluppo dell’obesità.Acidi Grassi a Corta Catena
Gli studi hanno anche dimostrato che gli acidi grassi a corta catena regolano il metabolismo dei grassi aumentando l’effetto brucia grassi e diminuendo l’accumulo dell’adipe.
Quando questo succede, la quantità di acidi grassi nel sangue si riduce e ciò può anche aiutare a difendersi contro l’aumento di peso.
Svariati studi sugli animali hanno esaminato questo effetto. Dopo un trattamento di 5 settimane con butirrato, i topi obesi hanno perso il 10,2% del loro peso originale e il grasso corporeo era diminuito del 10%. Nei ratti, gli integratori di acetato hanno ridotto l’accumulo di grasso.
Tuttavia, l’evidente legame tra acidi grassi a corta catena e la perdita di peso è essenzialmente basato sui test sugli animali e in provetta.

Acidi Grassi a Corta Catena e la Salute del Cuore

Acidi Grassi a Corta CatenaMolti studi collegano una dieta ad alto contenuto in fibre ad una riduzione del rischio di malattie cardiache. La forza di questa associazione spesso dipende dal tipo di fibre e dalla loro fonte. Negli esseri umani, l’assunzione di fibre è anche collegata alla riduzione delle infiammazioni.
Una delle ragioni per cui le fibre riducono il rischio di malattie cardiache potrebbe essere data dalla produzione di acidi grassi a corta catena nel colon.
Studi condotti sia su animali che su esseri umani hanno riportato che gli acidi grassi a corta catena riducono i livelli di colesterolo. Lo stesso butirrato si pensa che interagisca con i geni chiave che creano il colesterolo, probabilmente riducendo la produzione dello stesso.
La produzione di colesterolo diminuisce nel fegato dei ratti a cui vengono dati gli integratori di propionato. Anche l’acido acetico riduce i livelli di colesterolo nei ratti.
Questo stesso effetto è stato osservato negli esseri umani obesi, in cui l’acetato dell’aceto ha abbassato l’eccesso di colesterolo nella circolazione sanguigna.

Quali Sono le Risorse Alimentari per gli Acidi Grassi a Corta Catena?

Mangiare molti alimenti ricchi in fibra, come la frutta, la verdura e i legumi è collegato ad un aumento di acidi grassi a corta catena.Acidi Grassi a Corta Catena
Uno studio su 153 individui ha trovato positiva l’associazione tra una maggiore assunzione di alimenti vegetali e l’aumento dei livelli di acidi grassi a corta catena nelle feci.

Tuttavia la quantità e il tipo di fibre che mangi influiscono sulla composizione dei batteri nel tuo intestino, che a loro volta influiscono sulla produzione degli acidi grassi a corta catena.

Per esempio, gli studi hanno dimostrato che mangiare più fibre aumenta la produzione di butirrato, mentre diminuendone l’assunzione si riduce.

I seguenti tipi di alimenti sono i migliori per la produzione di acidi grassi a corta catena nel colon.

  • Inulina: puoi assumere inulina da carciofi, aglio, porri, cipolle, farro, segale e asparagi.
  • Fruttoligosaccaridi (FOS): i FOS si trovano in vari tipi di frutta e verdura, tra cui banane, cipolle, aglio e asparagi.
  • Amido resistente: puoi ottenere l’amido resistente dai cereali, orzo, riso, banane verdi, legumi e patate che sono state cotte e lasciate raffreddare.
  • Pectina: buone fonti di pectina sono le mele, le albicocche, le carote, le arance e altre.
  • Arabinoxilano: l’arabinoxilano si trova nei cereali. Per esempio, è la principale fibra nella crusca di farro, costituendone circa il 70% del contenuto totale delle fibre.
  • Gomma di Guar: la Gomma di Guar può essere estratta dai baccelli di guar, che sono legumi.
  • Grassi: i grassi vengono convertiti in acidi grassi a corta catena nell’intestino tenue. Cibi particolarmente ricchi sono soprattutto il burro, ma anche formaggio, il latte, l’olio extra vergine di oliva e altre risorse di grassi.
  • Aceto: tutti i tipi di aceto, non solo l’aceto di mele crudo.
  • Cibi e Bevande Fermentati: tutti i latto-fermentati e i cibi fermentati (crauti, kimchi, kefir, sottaceti, panna acida, ketchup, maionese, senape, ecc…) e bibite (kombucha, limonata, aranciata, kvass, ginger ale, ecc…). Tutto quello che trovi nei negozi, anche se è biologico, non è la versione fermentata di questi cibi e bevande. L’unico modo è farli da soli a casa.

Dovresti Prendere un Integratore?

Gli integratori di acidi grassi a corta catena è più facile trovarli sotto forma di sali di acido butirrico.
Questi sono generalmente indicati come sodio, potassio, calcio o magnesio butirrato. Sono facilmente disponibili online e come farmaci da banco.Acidi Grassi a Corta Catena
In ogni caso gli integratori potrebbero non essere la migliore maniera di aumentare i tuoi livelli di acidi grassi a corta catena. Gli integratori di butirrato prima di raggiungere il colon, vengono assorbiti nell’intestino tenue, il che vuol dire che tutti i benefici per le cellule del colon finiscono per andare persi.
Oltretutto ci sono veramente poche prove scientifiche sull’efficacia degli integratori di acidi grassi a corta catena.
Il butirrato raggiunge più facilmente il colon quando viene fermentato con il cibo. Quindi aumentare l’ammontare delle fibre, dei grassi, dell’aceto e del cibo fermentato nella tua dieta è probabilmente il metodo migliore per incrementare i tuoi livelli di acidi grassi a corta catena.

Conclusioni sugli acidi grassi a corta catena

Date le loro proprietà antiinfiammatorie e anticancerose, è probabile che gli acidi grassi a corta catena abbiano una vasta gamma di effetti benefici sul tuo corpo. Una cosa è certa: prendersi cura dei propri batteri intestinali buoni può portare a tutta una serie di benefici per la salute.
La migliore maniera per alimentare i batteri buoni nel tuo intestino è mangiare molto cibo capace di farlo.

Riferimenti:

  • Ríos-Covián D. Intestinal Short Chain Fatty Acids and their Link with Diet and Human Health. Front Microbiol. 2016 Feb 17;7:185
  • Cook SI. Review article: short chain fatty acids in health and disease. Aliment Pharmacol Ther. 1998 Jun;12(6):499-507
  • Xiong Y. Short-chain fatty acids stimulate leptin production in adipocytes through the G protein-coupled receptor GPR41. Proc Natl Acad Sci U S A. 2004 Jan 27;101(4):1045-50
  • Den Besten G. Gut-derived short-chain fatty acids are vividly assimilated into host carbohydrates and lipids. Am J Physiol Gastrointest Liver Physiol. 2013 Dec;305(12):G900-10
  • Wong JM. Colonic health: fermentation and short chain fatty acids. J Clin Gastroenterol. 2006 Mar;40(3):235-43
  • McOrist AL. Fecal butyrate levels vary widely among individuals but are usually increased by a diet high in resistant starch. J Nutr. 2011 May;141(5):883-9
  • De Fillipis F. High-level adherence to a Mediterranean diet beneficially impacts the gut microbiota and associated metabolome. BMJ 2015 Sept;
  • Den Besten G. The role of short-chain fatty acids in the interplay between diet, gut microbiota, and host energy metabolism. Lipid Res. 2013 Sep;54(9):2325-40
  • Spiller GA. Effect of purified cellulose, pectin, and a low-residue diet on fecal volatile fatty acids, transit time, and fecal weight in humans. Am J Clin Nutr. 1980 Apr;33(4):754-9
  • Topping DL. Short-chain fatty acids and human colonic function: roles of resistant starch and nonstarch polysaccharides. Physiol Rev. 2001 Jul;81(3):1031-64
  • Rossi M. Fermentation of Fructooligosaccharides and Inulin by Bifidobacteria: a Comparative Study of Pure and Fecal Cultures. Appl Environ Microbiol. 2005 Oct; 71(10): 6150–6158
  • Säemann MD. Anti-inflammatory effects of sodium butyrate on human monocytes: potent inhibition of IL-12 and up-regulation of IL-10 production. FASEB J. 2000 Dec;14(15):2380-2
  • Binder HJ. Role of colonic short-chain fatty acid transport in diarrhea. Annu Rev Physiol. 2010;72:297-313
  • Rabbani GH. Green banana and pectin improve small intestinal permeability and reduce fluid loss in Bangladeshi children with persistent diarrhea. Dig Dis Sci. 2004 Mar;49(3):475-84
  • Vieira EL. Oral administration of sodium butyrate attenuates inflammation and mucosal lesion in experimental acute ulcerative colitis. J Nutr Biochem. 2012 May;23(5):430-6
  • Maslowski KM. Regulation of inflammatory responses by gut microbiota and chemoattractant receptor GPR43. Nature. 2009 Oct 29;461(7268):1282-6
  • Hallert C. Increasing fecal butyrate in ulcerative colitis patients by diet: controlled pilot study. Inflamm Bowel Dis. 2003 Mar;9(2):116-21
  • Di Sabatino A. Oral butyrate for mildly to moderately active Crohn’s disease. Aliment Pharmacol Ther. 2005 Nov 1;22(9):789-94
  • Scheppach W. Treatment of distal ulcerative colitis with short-chain fatty acid enemas. A placebo-controlled trial. German-Austrian SCFA Study Group. Dig Dis Sci. 1996 Nov;41(11):2254-9
  • Vernia P. Combined oral sodium butyrate and mesalazine treatment compared to oral mesalazine alone in ulcerative colitis: randomized, double-blind, placebo-controlled pilot study. Dig Dis Sci. 2000 May;45(5):976-81
  • Breuer RI. Short chain fatty acid rectal irrigation for left-sided ulcerative colitis: a randomised, placebo controlled trial. Gut. 1997 Apr;40(4):485-91
  • Blouin JM. Butyrate elicits a metabolic switch in human colon cancer cells by targeting the pyruvate dehydrogenase complex. Int J Cancer. 2011 Jun 1;128(11):2591-601
  • Scharlau D. Mechanisms of primary cancer prevention by butyrate and other products formed during gut flora-mediated fermentation of dietary fibre. Mutat Res. 2009 Jul-Aug;682(1):39-53
  • Tang Y. G-protein-coupled receptor for short-chain fatty acids suppresses colon cancer. Int J Cancer. 2011 Feb 15;128(4):847-56
  • Toscani A. Molecular analysis of sodium butyrate-induced growth arrest. Oncogene Res. 1988;3(3):223-38
  • Wong JM. Colonic health: fermentation and short chain fatty acids. J Clin Gastroenterol. 2006 Mar;40(3):235-43
  • Scharlau D. Mechanisms of primary cancer prevention by butyrate and other products formed during gut flora-mediated fermentation of dietary fibre. Mutat Res. 2009 Jul-Aug;682(1):39-53
  • Klampfer L. Oncogenic Ras promotes butyrate-induced apoptosis through inhibition of gelsolin expression. J Biol Chem. 2004 Aug 27;279(35):36680-8
  • Lupton JR. Microbial degradation products influence colon cancer risk: the butyrate controversy. J Nutr. 2004 Feb;134(2):479-82
  • Hioki K. Suppression of intestinal polyp development by low-fat and high-fiber diet in Apc(delta716) knockout mice. Carcinogenesis. 1997 Oct;18(10):1863-5
  • Donohoe DR. A gnotobiotic mouse model demonstrates that dietary fiber protects against colorectal tumorigenesis in a microbiota- and butyrate-dependent manner. Cancer Discov. 2014 Dec;4(12):1387-97
  • Dallas R. Donohoe. A Gnotobiotic Mouse Model Demonstrates that Dietary Fiber Protects Against Colorectal Tumorigenesis in a Microbiota- and Butyrate–Dependent Manner. Cancer Discov. 2014 Dec; 4(12): 1387–1397
  • Bingham SA. Dietary fibre in food and protection against colorectal cancer in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC): an observational study. Lancet. 2003 May 3;361(9368):1496-501
  • Fuchs CS. Dietary fiber and the risk of colorectal cancer and adenoma in women. N Engl J Med. 1999 Jan 21;340(3):169-76
  • Park Y. Dietary fiber intake and risk of colorectal cancer: a pooled analysis of prospective cohort studies. JAMA. 2005 Dec 14;294(22):2849-57
  • Schatzkin A. Dietary fiber and whole-grain consumption in relation to colorectal cancer in the NIH-AARP Diet and Health Study. Am J Clin Nutr. 2007 May;85(5):1353-60
  • Tilg H. Microbiota and diabetes: an evolving relationship. Gut. 2014 Sep;63(9):1513-21
  • Remely M. Effects of short chain fatty acid producing bacteria on epigenetic regulation of FFAR3 in type 2 diabetes and obesity. Gene. 2014 Mar 1;537(1):85-92
  • Yamashita H. Improvement of obesity and glucose tolerance by acetate in Type 2 diabetic Otsuka Long-Evans Tokushima Fatty (OLETF) rats. iosci Biotechnol Biochem. 2007 May;71(5):1236-43
  • Zydowo MM.  Acetate-induced changes of adenine nucleotide levels in rat liver. Metabolism. 1993 May;42(5):644-8
  • Jäger S. AMP-activated protein kinase (AMPK) action in skeletal muscle via direct phosphorylation of PGC-1alpha. Proc Natl Acad Sci U S A. 2007 Jul 17;104(29):12017-22
  • Sakakibara S. Acetic acid activates hepatic AMPK and reduces hyperglycemia in diabetic KK-A(y) mice. Biochem Biophys Res Commun. 2006 Jun 2;344(2):597-604
  • Boillot J. Effects of dietary propionate on hepatic glucose production, whole-body glucose utilization, carbohydrate and lipid metabolism in normal rats. Br J Nutr. 1995 Feb;73(2):241-51
  • Tolhurst G. Short-chain fatty acids stimulate glucagon-like peptide-1 secretion via the G-protein-coupled receptor FFAR2. Diabetes. 2012 Feb;61(2):364-71
  • Melmon KL. Inflammatory and immune responses: cell individuality amidst ubiquitous hormonal signals. Johns Hopkins Med J. 1977 Jul;141(1):15-22
  • Alamowitch C. Lack of effect of an acute ileal perfusion of short-chain fatty acids on glucose metabolism in healthy men. Am J Physiol. 1996 Jul;271(1 Pt 1):E199-204
  • Bays H. Reduced viscosity Barley β-Glucan versus placebo: a randomized controlled trial of the effects on insulin sensitivity for individuals at risk for diabetes mellitus.  Nutr Metab (Lond). 2011 Aug 16;8:58
  • Vogt JA. L-rhamnose and lactulose decrease serum triacylglycerols and their rates of synthesis, but do not affect serum cholesterol concentrations in men. J Nutr. 2006 Aug;136(8):2160-6
  • Bourdon I. Postprandial lipid, glucose, insulin, and cholecystokinin responses in men fed barley pasta enriched with beta-glucan. Am J Clin Nutr. 1999 Jan;69(1):55-63
  • Kimura I. Host energy regulation via SCFAs receptors, as dietary nutrition sensors, by gut microbiota. Yakugaku Zasshi. 2014;134(10):1037-42
  • Zhiwei Ang. GPR41 and GPR43 in Obesity and Inflammation – Protective or Causative? Front Immunol. 2016; 7: 28
  • Lin HV. Butyrate and propionate protect against diet-induced obesity and regulate gut hormones via free fatty acid receptor 3-independent mechanisms. PLoS One. 2012;7(4):e35240
  • Kondo T. Acetic acid upregulates the expression of genes for fatty acid oxidation enzymes in liver to suppress body fat accumulation. J Agric Food Chem. 2009 Jul 8;57(13):5982-6
  • GE H. Activation of G protein-coupled receptor 43 in adipocytes leads to inhibition of lipolysis and suppression of plasma free fatty acids. Endocrinology. 2008 Sep;149(9):4519-26
  • Zhanguo Gao. Butyrate Improves Insulin Sensitivity and Increases Energy Expenditure in Mice. Diabetes. 2009 Jul; 58(7): 1509–1517
  • Threapleton DE. Dietary fibre intake and risk of cardiovascular disease: systematic review and meta-analysis. BMJ. 2013 Dec 19;347:f6879
  • Yunsheng Ma. Association between dietary fiber and markers of systemic inflammation in the Women’s Heath Initiative Observational Study. Nutrition. 2008 Oct; 24(10): 941–949
  • Pereira MA. Dietary fiber and risk of coronary heart disease: a pooled analysis of cohort studies. Arch Intern Med. 2004 Feb 23;164(4):370-6
  • Lairon D. Dietary fiber intake and risk factors for cardiovascular disease in French adults. Am J Clin Nutr December 2005
    vol. 82 no. 6 1185-1194
  • Erkkilä AT. Fiber and cardiovascular disease risk: how strong is the evidence? J Cardiovasc Nurs. 2006 Jan-Feb;21(1):3-8
  • Fushimi T. Dietary acetic acid reduces serum cholesterol and triacylglycerols in rats fed a cholesterol-rich diet. Br J Nutr. 2006 May;95(5):916-24
  • Demigné C. Effect of propionate on fatty acid and cholesterol synthesis and on acetate metabolism in isolated rat hepatocytes. Br J Nutr. 1995 Aug;74(2):209-19
  • Kondo T. Vinegar intake reduces body weight, body fat mass, and serum triglyceride levels in obese Japanese subjects. Biosci Biotechnol Biochem. 2009 Aug;73(8):1837-43
  • Sun J. Neuroprotective Effect of Sodium Butyrate against Cerebral Ischemia/Reperfusion Injury in Mice. Biomed Res Int. 2015;2015:395895
  • Alvaro A. Gene expression analysis of a human enterocyte cell line reveals downregulation of cholesterol biosynthesis in response to short-chain fatty acids. IUBMB Life. 2008 Nov;60(11):757-64
  • Wright RS. Propionate inhibits hepatocyte lipid synthesis. Proc Soc Exp Biol Med. 1990 Oct;195(1):26-9
  • Hara H. Short-chain fatty acids suppress cholesterol synthesis in rat liver and intestine. J Nutr. 1999 May;129(5):942-8
15 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] intestinale sana è composta da specie batteriche anaerobiche – che producono acido lattico e acidi grassi a catena corta (flora principale ‘buona’) – mentre i microorganismi restanti non fanno niente o […]

  2. […] acidi grassi a corta catena, contribuiscono a mantenere l’equilibrio del microbiota, che si traduce in una minore crescita di […]

  3. […] essenziale ripopolare correttamente il microbiota intestinale attraverso una dieta mirata ricca di acidi grassi a corta catena, non di certo con integratori di […]

  4. […] precursori di acidi grassi a corta catena – ho parlato abbondantemente in un mio articolo dell’importanza degli acidi grassi a corta catena. L’acido butirrico e l’acido […]

  5. […] parlato a lungo degli acidi grassi a catena corta, quindi non mi soffermerò troppo. Trovi gli articoli sul blog. Ci tengo però a dire che i […]

  6. […] tengo a sottolineare il fatto che il burro fatto in casa è un concentrato di buona nutrizione e acidi grassi a corta catena, che sono importantissimi per […]

  7. […] Il microbiota si ricostruisce con la dieta, consumando cibi ricchi di acidi grassi a catena corta. […]

  8. […] contiene aceto, vitamine del gruppo B, enzimi, probiotici e un’alta concentrazione di acido (acetico, gluconico e lattico) che sono legati con i seguenti […]

  9. […] fonte d’aiuto consigliata durante una dieta di questo sono gli acidi grassi a corta catena: visto che la fermentazione dei FODMAP nell’intestino causa un disequilibrio fra i batteri, i gli […]

  10. […] questo articolo, questa maionese ti apporta acidi grassi a corta catena, di cui ti parlo invece in quest’altro articolo, che sono il cibo perfetto per il nostro […]

  11. […] il peso, ma anche per la salute (a questo proposito ti consiglio di leggere il mio articolo sugli acidi grassi a catena corta). Per ritrovare la forma e per riuscire a perdere peso, la relazione tra microbiota intestinale e […]

  12. […] utilizzate come farmaci antinfiammatori.  Il più potente inibitore è l’acido butirrico, un acido grasso a corta catena che si forma quando certi alimenti (principalmente grassi saturi e burro), entrano in contatto con […]

  13. […] l’assimilazione delle vitamine e aumenterà i batteri buoni del tratto digestivo grazie agli acidi grassi a corta catena che […]

  14. […] all’intestino, ma hanno un’azione protettiva finche si assumono. Sono però gli acidi grassi a corta catena che rinforzano la flora […]

  15. […] tengo a sottolinere il fatto che il burro fatto in casa è un concentrato di buona nutrizione e acidi grassi a corta catena, che sono importantissimi per […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *