Latte artificiale: i falsi miti

Latte materno o latte artificiale? È noto che il latte materno sia la scelta migliore, la maggiormente consigliata, quando si parla di alimentazione neonatale. Sono state – soprattutto negli ultimi 50 anni – realizzate campagne di sensibilizzazione a favore dell’allattamento al seno, che viene considerato da qualsiasi professionista del settore l’alimentazione perfetta per il lattante fino all’età dello svezzamento e anche oltre.

Latte artificiale: i falsi miti

A volte, però, alcune mamme sono impossibilitate ad allattare naturalmente. Vuoi per carenza di latte, per il rientro forzato al lavoro o per altri tipi di impegni che portano la mamma ad affidarsi quasi a occhi chiusi al latte in formula.

Comodo, certo; basta aprire, mescolare con acqua calda e servire. Può farlo chiunque e si può preparare ovunque. Ma tutte le mamme che hanno optato per questa soluzione sono realmente consapevoli di cosa comporti una scelta così fondamentale per la vita del proprio bambino?

Il latte in formula costituito per l’alimentazione del neonato non è composto purtroppo da tutte quelle sostanze che sono ritenute indispensabili per la crescita e lo sviluppo dell’organismo durante l’età della prima infanzia.

Il latte materno è invece composto da:

  • milioni di cellule vive: globuli bianchi, che rinforzano il sistema immunitario, e cellule staminali, valido supporto per lo sviluppo degli organi;
  • numerosi enzimi, che agevolano la digestione e facilitano l’assorbimento del ferro;
  • vitamine e minerali, che favoriscono lo sviluppo di denti e ossa;
  • proteine, utili per consolidare la crescita;
  • ormoni;
  • acidi grassi a catena lunga, utilissimi per un corretto sviluppo del sistema nervoso, cervello e occhi;
  • zuccheri complessi, cioè gli oligosaccaridi, che attivano i batteri “buoni” per un regolare funzionamento dell’intestino;
  • anticorpi: il latte materno contiene infatti le cinque forme principali che difendono il neonato da virus e batteri.

Il latte in formula o artificiale è invece carente della maggior parte di questi componenti e, per questo, l’organismo al quale viene somministrato il latte formulato non ha la possibilità di crescere e svilupparsi nel modo più adeguato.

Latte artificiale: fa male?

Il latte in formula – il cosiddetto latte “artificiale” – contiene infatti sostanze che non sono presenti nel latte materno. È costituito principalmente da zucchero o lattosio, latte scremato in polvere e olio vegetale raffinato, nel quale è possibile ritrovare alcuni componenti che risultano esser stati modificati geneticamente.

Inoltre, contiene il doppio della quantità di proteine rispetto al latte materno. Questo porta le cellule a diminuire la propria sensibilità rispetto l’azione dell’insulina (insulino-resistenza) e ad accumulare grasso in specifiche regioni del corpo (adiposità).

Nella formula sono inoltre stati aggiunti componenti come il ferro, l’acido folico e l’acido DHA, presenti naturalmente nel latte materno, che però in questo caso creano notevoli problemi per il fatto di essere stati prodotti artificialmente in laboratorio.

Negli ultimi 35 anni si sono verificati in Italia e nel mondo numerosi richiami a diverse aziende produttrici di latte in formula a causa di ingredienti rilevati all’interno del prodotto, che si è ritenuto contenesse, tra le altre cose, anche ftalati, melammina e alti livelli di metalli pesanti. Nonché sostanze che dovrebbero risultare estranee, come vetro e agenti patogeni, estremamente nocive per l’organismo del lattante.

Ma come è possibile che possa verificarsi una situazione di questo tipo, enormemente grave, parlando di un prodotto destinato a un organismo così delicato come quello di un neonato?

Purtroppo, la Food and Drug Administration (FDA), cioè l’ente governativo statunitense che ha il compito di regolamentare i prodotti alimentari e farmaceutici, per molto tempo non ha indicato una regolamentazione per quanto riguarda la formula del latte artificiale, lasciando pericolosamente carta bianca ai produttori di latte in formula in fatto di sicurezza del prodotto.

Solo nel 2014 sono state redatte finalmente le Linee Guida essenziali relative agli standard per i produttori, che prevedono test specifici per la salmonella e altri patogeni, e che il latte artificiale contenga i nutrienti essenziali per il normale sviluppo dell’organismo. Regole tuttavia ancora “grezze”, perché non tengono in considerazione tutti i casi specifici – che non sono pochi – come l’alimentazione in caso di nascita prematura o di bambini che hanno particolari esigenze dietetiche date da alcune patologie.

Gli esperimenti effettuati sui neonati

La pediatra statunitense Ruth Lawrence, nel suo libro “A guide for the medical profession”, denominò il latte di formula “il più grande esperimento umano nella storia”, perché questo genere di prodotti fu creato e di conseguenza commercializzato senza in realtà aver prima affrontato test e studi clinici che ne garantissero la bontà e la sicurezza.

Nonostante molte dichiarazioni dei produttori di latte in formula riferite alle basi “scientifiche” utilizzate per realizzare il proprio prodotto, in realtà si può parlare solo di esperimenti che non sono stati eseguiti sotto controllo in laboratorio, ma direttamente sulla pelle (e lo stomaco) dei piccoli neonati. Nel momento in cui si verificava una malattia, un mancato o inadeguato sviluppo o addirittura un decesso riconducibile all’utilizzo del latte in formula, i produttori non facevano altro che eliminare o sostituire l’ingrediente incriminato e chiudere il problema.

Mentre l’allattamento al seno porta a un miglior sviluppo neuropsicologico e a un aumento del quoziente intellettivo, dato dagli acidi grassi a catena lunga presenti nel latte materno, al contrario si è dimostrato un aumento delle reazioni allergiche, del diabete di tipo 1 e 2 e di diverse malattie croniche nei neonati che hanno assunto il latte in formula per un periodo prolungato.

È quindi assodato che il latte in formula rechi numerosi danni alla salute, non solo nell’immediato, ma anche a lungo termine.

Latte artificiale, composizione e ingredienti

Il latte artificiale è composto principalmente da latte vaccino, che viene poi modificato per allinearne la composizione a quella del latte materno (che ha meno proteine e più lattosio).

Gli ingredienti principali nel latte artificiale sono carboidrati, proteine, grassi (dati da prodotti ad alto contenuto di olio, come l’olio di cocco o di girasole), vitamine e minerali, conservanti e aminoacidi, molti dei quali in formula sintetica.

Latte in polvere, storia

Nel 1800 i bambini allattati con latte artificiale erano considerati miseramente, questo per l’alta mortalità che derivava da questo tipo di nutrizione. Ma solo cento anni dopo, la mentalità stava già avviando un’inversione di marcia e nacquero in poco tempo oltre 20 produttori di latte in formula.
E sebbene il latte in formula è prodotto da oltre un secolo, è poi dagli anni ’50 che l’alimentazione con il latte artificiale prende il reale sopravvento su quella al seno.

Fino al secolo scorso, effettivamente, il latte artificiale era stato elevato come l’elemento principe della dieta neonatale. E i motivi sono molti. Uno tra tanti è quello legato alla rigidità delle regole ospedaliere di un tempo, che vedevano fino a qualche tempo fa mamma e bambino separati per un periodo troppo lungo, dopo il parto, per favorire l’allattamento al seno.

Un altro motivo è legato invece all’indipendenza della donna, che negli anni ‘60 ha voglia di riscoprire la propria emancipazione e il proprio ruolo nella società libero da obblighi e doveri. È qui che si concepisce l’idea che la donna possa continuare la sua vita, anche dopo essere diventata mamma, lasciando a casa il proprio bebè, sicura che il latte in formula sopperisse alle esigenze del piccolo in fatto di alimentazione.

È solo nella seconda metà del secolo scorso – soprattutto dagli anni ’90 in poi – che si può parlare di una vera e propria inversione di marcia, promuovendo l’allattamento al seno da parte dell’OMS sulla base di ricerche scientifiche che hanno prodotto risultati davvero sorprendenti.

Come favorire l’allattamento al seno

Mother and toddler baby boy, lying in bed, breastfeeding him, hugging with love, high angle shot, from above. Happy family concept

La salute di molti piccoli infanti è stata compromessa negli anni da un uso inconsapevole di latte in formula, al quale si è data un’etichetta poco veritiera e che racchiude molti lati bui che andrebbero scoperti.

Come far emergere l’importanza del latte materno:

  1. con un sostegno concreto alle neo-mamme – sociale, economico, ma anche inteso come supporto emotivo;
  2. con un reale congedo di maternità che possa garantire alla mamma di prendersi una pausa dal lavoro e potersi dedicare realmente al proprio bambino;
  3. con informazioni chiare e capillari sull’allattamento al seno e sul latte in formula, sfatando i falsi miti costruiti nel tempo dalle aziende produttrici.

Tutto questo può far emergere l’importanza del latte materno e i benefici fondamentali che può apportare nell’alimentazione neonatale e di tutta la prima infanzia.

Riferimenti e fonti:

  • Stevens EE et al. A History of Infant Feeding. J Perinatal Educ. 2009; 18(2) 32-39.
  • Kalyantanda G. Cronobacter Species Contamination of Powdered Infant Formula and the Implication of Neonatal Health. Front Pediatr. 2015; 3: 56.
  • Stuebe A. The Risk of Not Breastfeeding for Mothers and Infants. Rev Obstet Gynecol. 2009 Fall; 2(4): 222–231.
  • Liu Z. The Effects of Breastfeeding Versus Formula Feeding on Celebral Cortx Maturation in Infant Rhesus Macaques. Neuroimage. 2019 Jan 1;184:372-385.
  • Pottenger FM Jr. Influence of Breast Feeding on Facial Development. Arch Pediatr.1950. Oct;67(10):454-6.
  • Kaleita TA et al . A Neurobehavioral Syndrome After Failure to Thrive On Chloride-Deficient Formula. Dev Med Child Neurol. 1991 Jul;33(7):626-35. PMID: 18174.
  • Lein EL. Infant Formulas With Increased Concentrations of α-Lactablbumin. Am J Clin Nutr 2003;77(suppl):1555S–8S.
  • Scharf RJ et al Longitudinal Evaluation of Milk Type Consumed and Weight Status in Preschoolers. Arch Dis Child. 2013 May; 98(5): 335–340.
  • Zhang Z. et al. Amino Acid Profiles in Term and Preterm Human Milk through Lactation: A Systematic Review. Nutrients 2013, 5, 4800-4821
  • Bastos DM et al. Maillard Reaction Products in Processed Food: Pros and Cons. Intech. 2012; 281-300.
  • Bastos DM. Content of Furosine in infant Formulae and Follow-on Formulae. Pol J Food Nutr Sci 2007; 57 (2): 185-190.
  • Meltretter J et al. Site-Specific Formation of Maillard, Oxidation, and Condensation Products from Whey Proteins During Reaction with Lactose. J Agric Food Chem. 2007 Jul 25;55(15):6096-103.
  • Birlouez-Aragon I ET AL. Assessment of Protein Glycation Markers in Infant Formulas. Food Chem. 2004, sept 87 (2), 253-259.
  • Roux S et al. Kinetics of Maillard Reactions in Model Infant Formula During UHT Treatment Using a Static Batch Ohmic Heater. Dairy Science & Technology 2009; 89 (3-4), 349-362.
  • Pischetsrieder M, Henle T. Glycation Products in Infant Formulas: Chemical, Analytical and Physiological Aspects. AminoAcid. 2012; 42:1111–1118.
  • Baxter JH et al. Direct Determination of Methionine Sulfoxide in Milk Proteins by Enzyme Hydrolysis/High-Performance Liquid Chromatography. J Chromat A 2007;1157:10-16.
  • Snyderman SE et al. The Essential Amino Acid Requirement of Infants. X Methionine. Am J Clin Nutr 1964; 15:322-30.
  • Hoekstra PJ. Plasma Kynurenine and Related Measures in Tic Disorder Patients. Eur Child Adolesc Psychiatry. 2007 Jun;16 Suppl 1:71-7.
  • Rickards H et al. Increased Plasma Kynurenine and its Relationship to Neopterin and Tryptophan in Tourette’s Syndrome. Psychol Med. 1996 Jul;26(4):857-62.
  • Klenovics, KS et al. Advanced Glycation End Products in Infant Formulas do not Contribute to Insulin Resistance Associated with their Consumption, PLOS One 8(1) Jan 2013.
  • Jacobson MF. CSPI Petition to FDA. June 4 2003; Erkekoglu P, Baydar T. Toxicity of Acrylamide and Evaluation of its Exposure in Baby Foods. Nutr Res Rev 2010; 23: 323-333.
  • Health Canada’s Revised Exposure Assessment of Acrylamide in Food Aug 2012 and Fohgelberg P et al. The Acrylamide Intake Via Some Common Baby Food for Children in Sweden During their First Year of Life: An Improved Method for Analysis of Acrylamide. Food Chem Toxicol. 2005 Jun;43(6):951-9. 15811575.
  • De Boissieu D et al. Allergy to Extensively Hydrolyzed Cow’s Milk Proteins in Infants; Safety and Duration of Amino Acid Based Formulas. J Pediatr. 2002; 141(2):271-273.
  • Hernell O. Nutritional Evaluation of Protein Hydrolysate Formulas in Healthy Term Infants: Plasma Amino Acids, Hematology, and Trace Elements. Am J Clin Nutr. 2003; 78: 296-301.
  • Horie KA et al. Atopic Dermatitis in Children in the United States, 1997-2004: Visit Trends, Patient and Provider Characteristics, and Prescribing Pattern. Pediatrics. 2007; 120: 527-534.
  • Chung CS et al. FDA’s Health Claim Review: Whey-Protein Partially Hydrolyzed Infant Formula and Atopic Dermatitis. Pediatrics. 2012 Aug, 130(2):408-14; Nature’s One. Is the Media Sensationalizing Processed Formulas?
  • Committee on Nutrition, American Academy of Pediatrics. Soy Protein-Based Formulas: Recommendations for Use in Infant Feeding. Pediatrics 1998;101(1):148-153.
  • Freed DL. Do Dietary Lectins Cause Disease.BMJ.1999 318(7190) 1023-1024.
  • Bainbridge RR et al. Bone Mineral Contents of Infants Fed Soy-Based Formula. J Pediatr.1988 Jul;113(1 Pt 2):205-7.
  • Westmark CJ. A Hypothesis Regarding the Molecular Mechanism Underlying Dietary Soy Induced Effects on Seizure Propensity. Frontiers in Neurology. 3 Sept 2014; 5, ar no. 169
  • Westmark CJ. Soy Infant Formula May Be Associated with Autistic Behaviors. Autism. 2013 3(3):1-12.
  • Sinatra ST et al. The Saturated Fat, Cholesterol and Statin Controversy. A commentary. JACN. 2014 jan-Feb. 33(1): 79-88.
  • 66. J Bruce German, CJ Dillard Saturated Fats: A Perspective from Lactation and Milk Composition. Lipids 2010; 45:914-923.
  • Lloyd B et al.Formula Tolerance in Post breastfed and Exclusively Formula-Fed Infants. Pediatrics. 1999 Jan;103(1):E7
  • Koo WW et al. Palm Olein in the Fat Blend of Infant Formulas: Effect on the Intestinal Absorption of Calcium and Fat, and Bone Mineralization. J Am Coll Nutr, 2006. 25(2): 117-22.
  • Ostrom KM et al. Lower Calcium Absorption in Infants Fed Casein Hydrolysate-and Soy Protein-Based Infant Formulas Containing Palm Olein Versus Formulas Without Pal Olein. J Am Coll Nutr. 2002 Dec; 21(6) 564-9.
  • Singh M. Essential Fatty Acids, DHA and Human Brain. Indian J Ped 2005; 72(3) : 239-242.
  • Brenna JT. Docosahexaenoic and Arachidonic Acid Concentrations in Human Breast Milk Worldwide. Am J Clin Nutr June 2007; 85(6): 1457-1464.
  • Carlson SE. Arachidonic Acid Status of Human Infants: Influence of Gestational Age at Birth and Diets with Very Long Chain n-3 and n-6 Fatty Acids. J Nutr Apr 1996; 126 (4 supp): 1092S-8S
  • Vandenplas Y. Oligosaccharides in Infant Formula Br J Nutr. 2002 May; 87 Suppl 2:S293-6.
  • Chuchu N et al. The Aluminum Content of Infant Formulas Remains Too high. BMC Pediatrics. 2013 13; 162.
  • Tomljenovic L et al. Aluminum Vaccine Adjuvants: Are They Safe? Curr Med Chem. 2011;18(17):2630-7.
  • Cornucopia Institute, 2010, Singhal A, Lanigan J. Breastfeeding, Early Growth and Later Obesity. Obes Rev. 2007; 8(suppl 1):51–54.
  • EFSA Scientific Opinion. Scientific Opinion on the Risks to Public Health Related to the Presence of Bisphenol A (BPA) in Foodstuffs: Part I: Exposure assessment. EFSA Journal 2015; 13(1) 3978.
  • D’Ari, L. p-Cresol Formation by Cell Free Extracts of Clostridium Difficile, Arch. Microbiol. 1985, 143, 311–312.
  • Azad, M.B, Gut Microbiota of Healthy Canadian Infants: Profiles by Mode of Delivery and Infant Diet at 4 months. Can. Med. Assn. J. 2013 185, 385–394.
  • Kelly, C.P et al, C. Difficile Colitis. N. Engl. J. Med. 1994, 330, 257–262 and Issa, M et al Impact of C. Difficile on Inflammatory Bowel Disease. Clin. Gastroenterol. Hepatol. 2007, 5, 345–351.
  • Hinde K, German B. Food in Evolutionary Context: Insights from Mother’s Milk. J Sci Food Agric.2012; 11(22) 2219-23 PMID: 22729619.
  • Power, ML 2009. Developmental Programming of Hypothalamic Feeding Circuits. Clin Genet. 2006; 70:295–301.
  • Harris G. Development of Taste and Food Preferences in Children. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2008; 11:315–319.
  • Cederlund A. et al. Lactose in Human Breast Milk as Inducer of Innate Immunity with Implication for a Role in Intestinal Homeostasis. PLOS ONE 2013; 8(1): e53876.
  • Lien, EL. Infant Formulas with Increased Concentrations of α-lactalbumin; Am J Clin Nutr 2003;77(suppl):1555S–8S.
  • Innis SM et al. Evidence that Palmitic Acid is Absorbed as sn-2 Monoacylglycerol from Human Milk by Breast-Fed Infants. Lipids 1994; 29(8): p. 541-5.
  • Wong WW et al., Effect of Dietary Cholesterol on Cholesterol Synthesis in Breastfed and Formula-Fed Infants. J. Lipid Res. 1993. 34: 1403-1411.
  • Cruz MLA et al., Effects of Infant Nutrition of cholesterol Synthesis Rates. Ped Research. 1994; 35(2): 135.
  • Orth M, Bellosta S. Cholesterol: Its Regulation and Role in Central Nervous System Disorders. Cholesterol. 2012; 292498;
  • Deans E. Low Cholesterol and Suicide. Evolutionary Psychiatry. 29 Jul 2010.
  • Shrivastava S, et al. Chronic cholesterol Depletion Using Statin Impairs the Function and Dynamics of Human Serotonin(1A) Receptors. Biochemistry. 2010; 49:5426-5435.
  • Gimpl G, Fahrenholz F. Cholesterol as Stabilizer of the Oxytocin Receptor. Biochim Biophys Acta. 2002 Aug 31;1564(2):384-92.
  • Frederickzon B, et al. Bile Salt-Stimulated Lipase in Human Milk: Evidence of Activity in Vivo and of a Role in the Digestion of Milk Retinol Esters. Pediat Res 1978. 12:1048-1052.
  • Hernell O. Molecular Aspects of Fat Digestion in the Newborn. Acta Paediatr 1994;Suppl. 405:65-9.
  • Ponzone et al., Dihydropteridine Reductase Deficiency in Man: From Biology to Treatment. Medicinal Res. Reviews, Vol. 24, No. 2, 127-150, 2004.
  • Matsubara, Gaull GE. Biopterin and Neopterin in Various Milk and Infant Formula. Am J Clin Nutr, Jan 1985; 41:110-112.
  • Dykes F. Western Medicine and Marketing: Construction of an Inadequate Milk Synrome in Lactating Women. Health Care for Women International. 2002; 23(5): 492-502.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *