Depressione: malattia o sintomo di un’infiammazione cronica?

È ormai diventato un luogo comune e un’idea davvero radicata nelle persone il fatto che la depressione sia una malattia causata da uno squilibrio chimico nel nostro organismo, più precisamente da una carenza di serotonina e norepinefrina.

Gli antidepressivi, basati appunto su uno squilibrio chimico, rappresentino un mercato da 10 milioni di dollari solo negli Stati Uniti.
Inoltre, il 20% delle persone dichiara di soffrire – o di aver sofferto almeno per un periodo durante la sua vita – di depressione o di attacchi d’ansia.

Viene quasi naturale pensare, dunque, che le case farmaceutiche abbiano non poco contribuito a far penetrare questa convinzione nella testa delle persone. Ma è proprio così?

La depressione e le case farmaceutiche: cosa c’è di vero?

Sappiamo che quasi la metà delle persone alle quali vengono prescritti antidepressivi non risolve il suo problema.
Ne vede alleviare solamente i sintomi e solo per brevi periodi, tornando – non appena si allenta la cura farmacologica – nel buco nero di malattie neuropsichiatriche o di disturbi dell’umore.

Il Dr. Philippe Pinel – padre della psichiatria moderna -, durante i primi dell’800 dichiarò che “la follia inizia nell’intestino.”
Il Dr. Pinel fece questa dichiarazione perché osservò che la maggior parte dei suoi pazienti soffriva di problemi gastrointestinali e che i sintomi del digerente peggioravano di pari passo la salute mentale dei suoi pazienti.

Molti studi, in tempi recenti, hanno dimostrato che gli antidepressivi arginano il problema della depressione, senza però risolverne le cause.
Si è visto infatti che solo il 25% dei pazienti depressi (appena 1 su 4) presenta dei livelli di serotonina e norepinefrina inferiori alla media, ma soprattutto che livelli più bassi di questi neurotrasmettitori non inducono l’insorgere di depressione negli esseri umani, ma solo nel mondo animale.

Non è quindi di certo la mancanza o carenza di serotonina la causa principale della depressione.

Quindi la depressione non dovrebbe essere considerata una malattia da curare, ma un sintomo di un problema parallelo, come l’infiammazione cronica di basso grado, per esempio.

La medicina funzionale può diventare, per chi soffre di disturbi dell’umore come depressione, ansia, disturbi bipolari o del sonno, un ottimo supporto che aiuti a prendersi cura della propria salute partendo dall’intestino.

Depressione e infiammazione: i punti di collegamento

Si è scoperto che esistono numerosi punti di collegamento che connettono in modo chiaro la depressione alle infiammazioni e alla conseguente attivazione del sistema immunitario:

  • La depressione è spesso presente come sintomo in organismi con malattie acute e infiammatorie;
  • Endotossine – tossine microbiche che fanno parte delle cellule batteriche – somministrate in pazienti sani provano i sintomi comuni della depressione;
  • 1 paziente su 4 che assume interferone – farmaco utilizzato nell’epatite C e portatore di infiammazioni – sviluppa depressione;
  • La remissione della depressione clinica è spesso associata a una normalizzazione dei marcatori infiammatori.

Durante una reazione infiammatoria vengono prodotte dal nostro corpo le citochine, che si è scoperto producano un’ampia varietà di sintomi psichiatrici e neurologici.

Per questo, per combattere la depressione ci si dovrebbe chiedere: che cosa ha procurato l’infiammazione?

I primi passi: alimentazione e stile di vita per combattere la depressione

È doloroso essere consapevoli che il nostro stile di vita e la nostra alimentazione siano i principali fattori scatenanti delle numerose infiammazioni, che a loro volta danno vita ad alcune delle più gravi malattie – diabete, Alzheimer, allergie, malattie cardiovascolari, ecc… – con le quali purtroppo molte persone oggigiorno sono costrette a fare i conti.

La nostra dieta, in particolar modo, è ormai esageratamente ricca di alimenti che, naturalmente, supportano l’insorgere di infiammazioni, come farine raffinate, grassi trans, zuccheri, antibiotici, ormoni e moltissimi conservanti e coloranti chimici.

Un’alimentazione sana invece dovrebbe essere considerevolmente composta da fibre, un corretto rapporto di grassi omega-3/Omega-6 a catena lunga, gelatina e cibi fermentati.

Allo stesso modo, anche una vita sregolata, la disidratazione, la mancanza di sonno – o una qualità di sonno non sufficiente – e poca attività fisica contribuiscono alla nascita di infiammazioni.

Depressione e alimenti fermentati

A seguito di assunzione di alimenti fermentati, si è notata una considerevole diminuzione dei maggiori aspetti caratterizzanti la depressione.

Durante uno studio su tre gruppi di donne, a uno di questi è stato somministrato latte fermentato con probiotici, a un secondo è stato somministrato latte non fermentato e a un terzo nessun tipo di latte.
Una risonanza magnetica funzionale è stata eseguita sui tre gruppi sia all’inizio dello studio che dopo il completamento dello stesso, per esaminare l’attività cerebrale in risposta a uno stimolo emotivo.

Si è notato che, nel gruppo di donne che aveva consumato latte fermentato con probiotici, si sono mostrati cambiamenti nelle regioni del cervello fondamentali per l’elaborazione delle emozioni.

Sono diversi i meccanismi con i quali i microbioti intestinali influenzano l’asse intestino-cervello.

Proprio sfruttando questo asse, il microbiota intestinale alterato può inviare segnali neurali dall’intestino al cervello, rispondendo con iper-sensibilità allo stress quotidiano, che a sua volta può creare gravi danni al nostro intestino.

Ne consegue quindi un aumento della permeabilità intestinale, che consente a batteri e antigeni batterici di attraversare la barriera epiteliale e arrivare nel flusso sanguigno, innescando una risposta immunitaria che rende il sistema immunitario iper-attivo.

Una reazione a catena che si può fermare sulla linea di partenza.

È possibile risolvere la depressione considerando la radice che l’ha causata?

Headshot of young Caucasian woman making fake smile with her fingers stretching the corners of her mouth. Portrait of student girl trying to stay positive after failing final exams at university

Mangia cibi sani, dai la priorità agli alimenti ricchi di fibre, grassi buoni, impara a fermentare diversi alimenti e concedi la giusta quantità di ore al tuo sonno.

L’attività fisica, oltre a far bene all’organismo, purifica e libera la mente: ti permette di stare all’aria aperta e di “staccare la spina” dai pensieri negativi in cui potresti incappare se ti limitassi a svolgere una vita sedentaria e “passiva”.

Lo yoga, nello specifico, è una disciplina composta da posture ed esercizi che – tramite la respirazione – servono a modulare l’intestino e la funzione cerebrale, riducendo drasticamente l’attività del sistema nervoso simpatico.

Infine, chiedi aiuto a un nutrizionista o medico specializzato in medicina funzionale, che può aiutarti a scoprire quali possono essere le cause infiammatorie che hanno portato allo sviluppo della tua depressione.

In conclusione, la Depressione è una malattia o il sintomo di un’infiammazione cronica?

Una terapia farmacologica con antidepressivi o antiansia può essere sicuramente d’aiuto nel trattamento di alcuni casi conclamati di depressione o di disturbi dell’umore nel breve periodo.

Ma se gli squilibri di fondo nel microbioma intestinale sono sottovalutati, spesso non si riuscirà con i soli farmaci a eliminare la causa di questi disturbi.

Essere realmente consapevoli che la depressione non è una malattia da curare, ma un sintomo da riconoscere, e comprenderne le reali radici fisiche potrebbe aiutare le numerose persone che ne soffrono, non solo a livello fisico ma anche psicologico.

Molto spesso, infatti, chi soffre di depressione è fermamente convinto di avere qualcosa che non va: “Non sono bravo nel mio lavoro, mia moglie non mi ama, non mi trovo bello, ed è solo colpa mia”.

Questo circolo vizioso, questo turbine di pensieri negativi, induce la persona a credere che non ci sia nulla da fare contro questo pesante disagio fisico e mentale, sentendosi quindi ancora più affranto per la sua condizione già così labile e precaria.

Sapere invece che il suo stato è causato da una situazione infiammatoria che si può risolvere, porta nella persona affetta da depressione un senso di sollievo: si sente, in poche parole, deresponsabilizzata per la sua condizione.

“Non è colpa mia, ma di un problema esterno che posso risolvere, quindi posso farcela”.

Fonti e Referenze:

  • Canavan C. The Epidemiology of Irritable Bowel Syndrome. Clin Epidemiol. 2014; 6: 71–80.
  • Grenham S. Brain Gut Microbiome in Health and Disease. Front Physiol. 2011 Dec 7;2:94.
  • Bailey MT. Exposure to a Social Stressor Alter the Structure of the Intestinal Microbiota: Implications for Stressor Induced Immunomodulation. Brain Behav Immun. 2011 Mar;25(3):397-407.
  • Jang H. Altered Fecal Microbiota Composition in Patients with Major Depressive Disorder. Brain Behav Immun. 2015 Aug;48:186-94.
  • Rao AV. A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Pilot Study of a Probiotic in Emotional Symptoms of Chronic Fatigue Syndrome. Gut Pathog. 2009 Mar 19;1(1):6.
  • Tillisch K. Consumption of Fermented Milk Product with Probiotic Modulate Brain Activity. Gastroenterology. 2013 Jun; 144(7): 1508-1517.
  • Messaoudi M. Assessment of Psychotropic-Like Properties of a Probiotic Formulation (Lactobacillus Helveticus R0052 and Bifidobacterium Longum R0175) in Rats and Human Subjects. Br J Nutr. 2011 Mar;105(5):755-64.
  • Bercik P. Microbes and the Gut Brain Axis. Neurogastroenterol Motil. 2012 May;24(5):405-13.
  • Rajilić-Stojanović M. Global and Deep Molecular Analysis of Microbiota Signatures in Fecal Samples from Patients with Irritable Bowel Syndrome. Gastroenterology. 2011 Nov;141(5):1792-801.
  • Folks DG. The Interface of Psychiatry and Irritable Bowel Syndrome. Curr Psychiatry Rep. 2004 Jun;6(3):210-5.
  • Kennedy PJ. A Sustained Hypothalamic-Pitutary-Adrenal Axis Response to Acute Psychosocial Stress in Irritable Bowel Syndrome. Psychol Med. 2014 Oct;44(14):3123-34.
  • Kennedy PJ. Gut Memories: Towards a Cognitive Neurobiology of Irritable Bowel Syndrome. Neurosci Biobehav Rev. 2012 Jan;36(1):310-40.
  • Mayer EA. Gut Microbes and the Brain: Paradigm Shift in Neuroscience. J Neurosci. 2014 Nov 12; 34(46): 15490–15496.
  • Clarke G. The Microbiome Gut Brain Axis During Early Life Regulates the Hippocampal Serotonergic System in a Sex-Depender Manner. Mol Psychiatry. 2013 Jun;18(6):666-73.
  • Myers B. Divergent Effects of Amygdala Glucocorticoid Mineralocorticoid Receptors in the Regulation of Visceral and Somatic Pain. Am J Physiol Gastrointest Liver Physiol. 2010 Feb;298(2): G295-303.
  • Santos J. Neuropharmacology of Stress Induced Mucosal Inflammation: Implications for Inflammatory Bowel Disease and Irritable Bowel Syndrome. Curr Mol Med. 2008 Jun;8(4):258-73.
  • Freestone PP. Growth Stimulation of Intestinal Commensal Escherichia Coli by Cathecolamines: A Possible Contributory Factor in Trauma Induced Sepsis. Shock. 2002 Nov;18(5):465-70.
  • Tana C. Altered Profiles of Intestinal Microbiota and Organic Acids may be the Origin of Symptoms in Irritable Bowel Syndrome. Neurogastroenterol Motil. 2010 May;22(5):512-519.
  • Paineau D. The Effects of Regular Consumption of Short Chain Fructo-Oligosaccharides on Digestive Comfort of Subjects with Minor Functional Bowel Disorders. Br J Nutr. 2008 Feb;99(2):311-8. Epub 2007 Aug 13.
  • Savignac HM. Prebiotic Feeding Elevates Central Brain Derived Neurotropic Factor, N-Methyl-D-Aspartate Receptor Subunits and D-Serine. Neurochem Int. 2013 Dec;63(8):756-64.
  • O’Mahony L. Lactobacillus and Bifidobacterium in Irritable Bowel Syndrome: Symptom Responses and Relationship to Cytokine Profiles. Gastroenterology. 2005 Mar;128(3):541-51.
  • Guyonnet D. Effect of Fermented Milk Containing Bifidobacterium Animalis DN-173 010 on Health-Related Quality of Life and Symptoms in Irritable Bowel Syndrome in Adults in Primary Care: A Multicentre, Randomized Double Blind, Controlled Trial. Aliment Pharmacol Ther. 2007 Aug 1;26(3):475-86.
  • Rousseaux C. Lactobacillus Acidophilus Modulates Intestinal Pain and Induces Opioid and Cannabinoid Receptors. Nat Med. 2007 Jan;13(1):35-7.
  • Ohland CL. Probiotic Bacteria and Intestinal Epithelial Barrier Function. Am J Physiol Gastrointest Liver Physiol. 2010 Jun;298(6): G807-19.
  • Pimentel M. Eradication of Small Intestine Bacterial Overgrowth Reduces Symptoms of Irritable Bowel Syndrome. Am J Gastroenterol. 2000 Dec;95(12):3503-6.
  • Spiegel BM. Questioning the Bacterial Overgrowth Hypothesis of Irritable Bowel Syndrome: An Epidemiologic and Evolutionary Perspective. Clin Gastroenterol Hepatol. 2011 Jun;9(6):461-9; quiz e59.
  • Saadi M. Rifaxamin in Irritable Bowel Syndrome: Rationale, Evidence and Clinical Use. Ther Adv Chronic Dis. 2013 Mar; 4(2): 71–75.
    Kavuri V. Irritable Bowel Syndrome: Yoga as Remedial Therapy. Evid Based Complement Alternat Med. 2015; 2015: 398156.
  • Johannesson E. Physical Activity Improves Symptoms in Irritable Bowel Syndrome: A Randomized Controlled Trial. Am J Gastroenterol. 2011 May;106(5):915-22.
  • Garland EL. Therapeutic Mechanisms of a Mindfulness Based Treatment for IBS: Effects on Visceral Sensitivity, Catastrophizing, and Effective Processing of Pain Sensations. J Behav Med. 2012 Dec;35(6):591-602.
  • Dowlaty Y. A Meta-Analysis of Cytokines in major Depression. Biol Psychiatry. 2010 Mar 1;67(5):446-57.
  • Pasco JA. Association of High Sensitivity C Reactive Protein with De Novo major Depression. Br J Psychiatry. 2010 Nov;197(5):372-7.
  • Udina M. Interferon Induced Depression in Chronic Hepatitis C: A Systematic Review and Meta-Analysis. J Clin Psychiatry. 2012 Aug;73(8):1128-38.
  • Hannestad J. The Effect of Antidepressant Medication Treatment on Serum Levels of Inflammatory Cytokines: A Meta-Analysis. Neuropsychopharmacology. 2011 Nov;36(12):2452-9.
  • Jacka FN. Association of Western and Traditional Diets with Depression and Anxiety in Women. Am J Psychiatry. 2010 Mar;167(3):305-11.
  • Dobbin JP. Cytokine Production and Lymphocyte Transformation During Stress. Brain Behav Immun. 1991 Dec;5(4):339-48.
  • Mullington JM. Sleep Loss and Inflammation. Best Pract Res Clin Endocrinol Metab. 2010 Oct; 24(5): 775–784.
  • Okoro CA. The Association Between Depression and Anxiety and Use of Oral Health Services and Tooth Loss. Community Dent Oral Epidemiol. 2012 Apr;40(2):134-44.
  • Grossmann RE. Impact of Vitamin D Supplementation on Marker of Inflammation in Adults with Cystic Fibrosis Hospitalized for a Pulmonary Exacerbation. Eur J Clin Nutr. 2012 Sep;66(9):1072-1074.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *