ossalati

Ossalati: devi eliminare il cibo che contiene questi antinutrienti?

Molte persone attente a quello che consumano tutti i giorni, sono convinte che mangiare un bel piatto di spinaci tutti i giorni o bere un centrifugato a base di verdure a foglia verde sia un biglietto vincente per una buona salute. Non sanno però che questo tipo di vegetali contengono ossalati (o acido ossalico) che rientrano nella categoria degli antinutrienti.

Questo articolo è parte di una serie sulle tossine contenute negli alimenti di origine vegetale. Se ti sei perso le altre parti della serie, leggile qui:

Gli antinutrienti nelle piante: introduzione

Acido fitico: come ridurlo senza eliminare i cibi che lo contengono

Lectine: cosa sono e quali danni possono provocare

Saponine: ecco cosa devi sapere

Cosa sono gli ossalati e dove si trovano

Gli ossalati sono composti indigeribili contenuti in certi alimenti che impediscono il corretto assorbimento di alcuni nutrienti. L’acido ossalico è un acido organico presente soprattutto nelle proteine della soia isolate, negli spinaci, nelle cime di rapa e nelle bietole, nel rabarbaro, nelle barbabietole, nel cacao, nel cavolo, nelle patate dolci e nelle arachidi.

Contrariamente a quello che molti pensano, la cottura non è sufficiente per neutralizzare gli ossalati.

Anche il nostro corpo produce ossalati (per esempio la vitamina C, una volta metabolizzata può essere convertita in acido ossalico).

Una volta entrato nel nostro organismo, l’ossalato si può legare a minerali, creando composti come per esempio l’ossalato di calcio o quello di ferro.

Normalmente l’ossalato e i composti creati vengono eliminati con le feci o con le urine. Le persone che però hanno un intestino debole o che seguono una dieta con alimenti ad alto contenuto di ossalati, possono non eliminarli correttamente e questo può comportare problemi di salute; al contrario di altri anti-nutrienti, la cottura non ha nessun effetto sugli ossalati.

Gli effetti collaterali degli ossalati

Una delle principali caratteristiche degli ossalati è, come sopraddetto, quella di legarsi ai minerali. Quando questo avviene il corpo rischia di non riuscire più ad assorbire i minerali di cui ha bisogno.

Per esempio gli spinaci, che sono ricchi di calcio e ossalati, non sono una fonte di calcio proprio perché quest’ultimo si lega agli ossalati e non riesce ad essere assorbito correttamente dal nostro organismo. L’assunzione di fibre insieme agli ossalati ostacola anche l’assorbimento di alcuni altri nutrienti (come spiegato in questo studio).

Gli ossalati possono principalmente essere la causa dei dolorosi calcoli renali. Sebbene infatti esistano altri tipi di calcoli renali, circa l’80% di questi è costituito da ossalato di calcio. È anche vero che il tipo di ossalato che crea i calcoli è quello prodotto dal nostro corpo e non quello introdotto con l’alimentazione e questo soprattutto quando il volume delle urine è scarso. Una corretta idratazione e una riduzione drastica degli alimenti a basso contenuto di questo antinutriente è la terapia consigliata dalla maggior parte degli urologi.

Qualcuno ritiene gli ossalati in parte responsabili anche di vulvodinie e di aggravare l’autismo (mai dimostrato scientificamente), ma sembra che siano considerati più come un antinutriente capace di peggiorare una situazione, piuttosto che causarla.

Dovresti eliminare gli alimenti che contengono gli ossalati?

La maggior parte degli alimenti con ossalati sono molto sani e contengono importanti nutrienti. Quindi, almeno che tu non sia in una situazione di forte disbiosi e specifiche intolleranze, l’eliminazione di questi alimenti non è necessaria.

Un intestino sano contiene dei batteri che possono in parte scomporre gli ossalati contenuti in alcuni cibi, prima che si leghino ai minerali. Purtroppo l’assunzione di antibiotici e scelte di stile di vita errati causa la riduzione di questi nostri alleati e non è possibile sapere a priori se abbiamo la capacità di scomporre o meno questi antinutrienti.

In linea di massima, le persone che hanno assunto di recente antibiotici o soffrono di disfunzioni intestinali possono beneficiare maggiormente di una dieta a basso contenuto di ossalati.

In conclusione, gli ossalati non sono un antinutriente pericoloso per la maggior parte delle persone a meno che vengano assunti in grande quantità e questo rimane soggettivo, non abusarne e avere una dieta varia è sempre la scelta migliore.

 

Fonti Scientifiche:

  • Massey LK, Palmer RG, Horner HT. Oxalate content of soybean seeds (Glycine max: Leguminosae), soyfoods, and other edible legumes. J Agric Food Chem. 2001;49(9):4262-4266. doi:10.1021/jf010484y
  • Jahnen A, Heynck H, Gertz B, Classen A, Hesse A. Dietary fibre: the effectiveness of a high bran intake in reducing renal calcium excretion. Urol Res. 1992;20(1):3-6. doi:10.1007/BF00294326
  • Author’s discussions with health practitioners and parents at AutismOne, Chicago, IL, May 2006
  • Noonan SC, Savage GP. Oxalate content of foods and its effect on humans. Asia Pac J Clin Nutr. 1999;8(1):64-74.
  • Duncan SH, Richardson AJ, Kaul P, Holmes RP, Allison MJ, Stewart CS. Oxalobacter formigenes and its potential role in human health. Appl Environ Microbiol. 2002;68(8):3841-3847. doi:10.1128/aem.68.8.3841-3847.2002
  • Mitchell T, Kumar P, Reddy T, et al. Dietary oxalate and kidney stone formation. Am J Physiol Renal Physiol. 2019;316(3):F409-F413. doi:10.1152/ajprenal.00373.2018
  • Massey LK. Dietary influences on urinary oxalate and risk of kidney stones. Front Biosci. 2003;8:s584-s594. Published 2003 May 1. doi:10.2741/1082
  • Hodgkinson A, Zarembski PM. Oxalic acid metabolism in man: a review. Calcif Tissue Res. 1968;2(2):115-132. doi:10.1007/BF02279201
  • Lehner A, Meimoun P, Errakhi R, Madiona K, Barakate M, Bouteau F. Toxic and signalling effects of oxalic acid: Oxalic acid-Natural born killer or natural born protector?. Plant Signal Behav. 2008;3(9):746-748. doi:10.4161/psb.3.9.6634

 

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Ossalati e Salicilati: gli antinutrienti contenuti nella frutta e verdura […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento